lunedì, 22 Aprile 2024

Ufficio del Processo: possibile conversione dei contratti a tempo indeterminato. Tutte le novità

Di questo autore

Importanti novità in arrivo per tutti coloro che hanno partecipato al concorso indetto per il reclutamento di addetti all’Ufficio del Processo nel 2021. Secondo quanto riportato dal Coordinamento Nazionale CISL FP Giustizia, infatti, sembra “confermata la notizia della prossima emanazione della norma che contiene l’autorizzazione in favore del Ministero della Giustizia a stabilizzare i lavoratori assunti a tempo determinato”.

Si tratta di un importantissimo passo in avanti per il rafforzamento del sistema giudiziario italiano perché il contributo offerto dagli addetti all’Ufficio del Processo si è rivelato uno strumento prezioso in tantissimi uffici giudiziari dove il magistrato ha avuto l’opportunità di essere affiancato nello smaltimento dei processi arretrati.

La stabilizzazione degli assunti a tempo indeterminato, dunque, permetterà la valorizzazione della figura dell’addetto a supporto continuativo e diretto del Magistrato allo scopo di dotare di maggiore efficienza il sistema giudiziario che versa da anni in uno stato di carenza d’organico dovuto al quasi ventennale blocco delle assunzioni in funzione del contenimento della spesa pubblica.

CONCORSO UFFICIO DEL PROCESSO 2024: ASSUNZIONI DIRETTAMENTE A TEMPO INDETERMINATO?

Alla luce di quanto evidenziato in precedenza e della possibilità che l’Ufficio del Processo, da strumento emergenziale, diventi strumento ordinario, è possibile che il nuovo concorso atteso per il 2024 possa prevedere l’assunzione degli addetti direttamente a tempo indeterminato nonché la formazione specifica per il ruolo svolto.

Il Ministero della Giustizia, ad ogni modo, ha già avviato le procedure per la pubblicazione del bando per il reclutamento del secondo contingente, pari a 4.200 addetti all’Ufficio del Processo, da destinare ai 169 uffici giudiziari del territorio nazionale, con previsione della conclusione delle procedure di selezione e immissione in servizio dei vincitori entro il 30 giugno 2024.

CHI POTRA’ PARTECIPARE?

Il bando di concorso per il reclutamento di addetti all’Ufficio per il Processo, Area III, Posizione economica F1, non è ancora stato pubblicato ma, stando al precedente, è possibile ipotizzare che ai candidati sia richiesto il possesso di una laurea in campo giuridico. Presumibilmente:

  • Laurea in Scienze dei servizi giuridici;
  • Diploma di laurea di vecchio ordinamento in Giurisprudenza;
  • Laurea specialistica in Giurisprudenza o Teoria e tecniche della normazione e dell’informazione giuridica;
  • Laurea magistrale in Giurisprudenza.

Allo stesso modo, è possibile ipotizzare che i candidati verranno chiamati ad affrontare un test contenente, oltre ai quesiti attitudinali, di logica e situazionali, anche domande in:

  • Diritto pubblico;
  • Ordinamento giudiziario (CLICCA QUI per saperne di più sul compendio riguardo l’ordinamento giudiziario redatto dalla nostra redazione);
  • Lingua inglese.

AGGIORNAMENTI

Non appena saranno rese note ulteriori informazioni sulla stabilizzazione degli assunti e sulla pubblicazione del bando di concorso 2024 renderemo disponibile il tutto sul nostro sito web. Intanto, per tutte le novità riguardanti l’Ufficio per il Processo consigliamo l’iscrizione ai gruppi Telegram e Facebook dedicati.

Ultimi articoli

Ministero della Cultura: 46 assunzioni di esperti catalogatori

È stato indetto un concorso pubblico che prevede l'assunzione di 46 esperti catalogatori presso le biblioteche pubbliche statali del Ministero...

Potrebbe interessarti anche