Il Ministero della Giustizia ha indetto un concorso per 300 posti. Per la partecipazione al concorso è prevista una selezione per titoli ed esami, e la domanda è [...]

Signing testament

Il Ministero della Giustizia ha indetto un concorso per 300 posti. Per la partecipazione al concorso è prevista una selezione per titoli ed esami, e la domanda è possibile presentarla fino al 30 ottobre 2014.

I candidati dovranno affrontare l’esame per notai, prova scritta e tre prove teorico-pratiche, una prova orale composta da tre prove distinte.

Per poter partecipare i candidati devono possedere i seguenti requisiti:

• essere cittadino italiano o di uno Stato membro dell’UE;
• aver compiuto 21 anni e non aver superato i 50;

• avere una moralità e condotta incensurate;
• non aver subito una condanna per reati non colposi;
• avere una laurea in Giurisprudenza o di una laurea specialistica o magistrale in Giurisprudenza rilasciata o confermata da un’università italiana, o essere in possesso di un titolo riconosciuto equipollente;
• essere iscritti fra i praticanti presso un Consiglio notarile ed aver fatto la pratica per 18 mesi, di cui almeno 12 in modo continuativo dopo la laurea;
• non essere stati dichiarati non idonei in tre precedenti concorsi per esami a posti di notaio, banditi successivamente all’entrata in vigore della legge 18 giugno 2009; • non essere stati espulsi dopo la dettatura del tema, durante le prove scritte, o non aver subito provvedimento di annullamento di una prova da parte della commissione, in precedenti concorsi per esami a posti di notaio.

La domanda di ammissione al concorso deve essere presentata o spedita al Procuratore della Repubblica presso il Tribunale competente in relazione al luogo di residenza dell’aspirante, previa compilazione della domanda telematica.

Il form da compilare è disponibile sul sito internet del Ministero della Giustizia.

Gli esami a cui i candidati dovranno partecipare sono:

Esame scritto: tre distinte prove teorico-pratiche, riguardanti un atto di ultima volontà e due atti tra vivi, di cui uno di diritto commerciale. In ciascun tema sono richiesti la compilazione dell’atto e lo svolgimento dei principi attinenti agli istituti giuridici relativi all’atto stesso.

Esame orale: tre distinte prove sui seguenti gruppi di materie:

• diritto civile, commerciale e volontaria giurisdizione, con particolare riguardo agli istituti giuridici in rapporto ai quali si esplica l’ufficio di notaio;
• disposizioni sull’ordinamento del notariato e degli archivi notarili;
• disposizioni concernenti i tributi sugli affari.

Per maggiori informazioni vi consiglio di visitare la pagina del Ministero della Giustizia relativa al Decreto 26 settembre 2014 – Concorso a 300 posti di notaio

Vuoi ricevere i nuovi Bandi di Concorso comodamente nella tua casella email?

Iscriviti alla Newsletter di Concorsi-Pubblici.org
Loading Facebook Comments ...