giovedì, 23 Settembre 2021

MIUR concorso: in palio 255 posti di Funzionari Amministrativi

Di questo autore

Sanità Molise: nuovi concorsi e 1000 posti di lavoro

Nella sanità del Molise sono presenti varie opportunità di lavoro per il triennio. Ciò avverrà tramite concorsi, liste di...

Ministero della Cultura, concorso per 270 funzionari di archivio

Il Ministero della Cultura bandirà a breve un nuovo concorso per l'assunzione di 270 funzionari archivisti. Questi ultimi, infatti,...

Concorso Ripam prove, il via dal 30 settembre: come prepararsi al meglio?

Dopo tanta attesa, il Formez PA ha reso pubblico un comunicato sul Concorso Ripam e sulla data di partenza...

Il MIUR ha indetto un nuovo concorso pubblico 2021 che prevede l’assunzione di 255 Funzionari Amministrativi. Da quanto spiegato nel bando, però, i posti da 255 sono elevabili a 577. Di seguito sono presentate tutte le informazioni utili riguardo al concorso indetto dal Ministero dell’istruzione, dell’università e della ricerca.

PROFILI E REGIONI

Oltre al profilo di Funzionario Amministrativo, sono previsti:
– 7 posti di funzionario socio – organizzativo – gestionale;
– 7 posti di funzionario per la comunicazione e per l’informazione;
– 35 posti di funzionario informatico.

I 255 posti di Funzionario Amministrativo sono così suddivisi nelle Regioni italiane:

  •  Lazio: 13 posti;
  • Abruzzo: 10 posti;
  • Friuli Venezia Giulia: 8 posti;
  • Calabria: 10 posti;
  • Molise: 7 posti;
  • Sicilia: 12 posti;
  • Campania: 15 posti;
  • Amministrazione Centrale (sede a Roma): 54 posti;
  • Toscana: 12 posti;
  • Liguria: 10 posti;
  • Umbria: 7 posti;
  • Lombardia: 21 posti;
  • Emilia Romagna: 11 posti;
  • Marche: 10 posti;
  • Piemonte: 14 posti;
  • Basilicata: 7 posti;
  • Puglia: 12 posti;
  • Sardegna: 8 posti;
  • Veneto: 14 posti.

REQUISITI

Oltre ai requisiti generali richiesti in ogni bando, per chi fosse interessato a prendere parte al concorso del MIUR deve essere in possesso di uno dei seguenti titoli di studio:

  • una laurea triennale in:
    – scienze dei servizi giuridici (L-14);
    – scienze dell’amministrazione e dell’organizzazione (L-16);
    – sociologia (L-40);
    – scienze dell’economia e della gestione aziendale (L-18);
    – scienze economiche (L-33);
    – L-36 scienze politiche e delle relazioni internazionali;
    – scienze sociali per la cooperazione, lo sviluppo e la pace (L-37).
  • sono ammesse anche le seguenti lauree magistrali:
    – Giurisprudenza (LMG-01);
    – ingegneria gestionale (LM-31);
    – scienze delle pubbliche amministrazioni (LM-63);
    – relazioni internazionali (LM-52);
    – scienze dell’economia (LM-56);
    – finanza (LM-16);
    – scienza della politica (LM-62);
    – scienze economiche per l’ambiente e la cultura (LM-76);
    – sociologia e ricerca sociale (LM-88);
    – scienze economiche aziendali (LM-77);
    – scienze per la cooperazione allo sviluppo (LM-81);
    – studi europei (LM-90).

COME CANDIDARSI

Per coloro interessati a questa procedura telematica, possono candidarsi unicamente online. Attraverso il sito del MIUR, i candidati al concorso potranno inoltrare la loro domanda di partecipazione. Per poter candidarsi, è necessario essere in possesso di un indirizzo di posta elettronica certificato (PEC) e del sistema pubblico di identità digitale (SPID). I candidati hanno tempo di presentare la propria domanda entro e non oltre il 27 agosto 2021.

PEC: QUAL È LA MIGLIORE?

Come visto in questo caso, ma non solo, la PEC è sempre più richiesta per prendere parte alle procedure concorsuali. Ma qual è uno dei migliori siti da poter utilizzare per creare il proprio indirizzo di posta elettronica certificato? Soluzioni Pec  offre non solo pacchetti vantaggiosi, tra cui la PEC Smart di 1 GB, ma anche un’attivazione abbastanza veloce.

TIPOLOGIE PROVE D’ESAME

I candidati al concorso del Ministero dell’Istruzione, dell’università e della ricerca dovranno sostenere le seguenti prove d’esame:

  •  eventuale prova preselettiva: consisterà nella risoluzione di un quiz a risposta multipla su argomenti di ragionamento logico-matematico, cultura generale, capacità logico deduttiva e ragionamento critico verbale;
  • prova scritta: consisterà nel rispondere a un test a risposte multiple sulle seguenti materie:
    – diritto dell’Unione europea;
    – diritto civile, con particolare riferimento alle obbligazioni e ai contratti;
    – contabilità pubblica;
    – diritto costituzionale e amministrativo;
    – disciplina del lavoro pubblico e responsabilità dei pubblici dipendenti;
    – elementi di diritto processuale civile e del lavoro;
    – elementi di diritto penale, con particolare riferimento ai reati contro la pubblica amministrazione;
    – organizzazione e management delle pubbliche amministrazioni;
    – elementi di organizzazione del Ministero dell’istruzione e delle istituzioni scolastiche.
  • colloquio orale: in questa prova verranno verificate le conoscenze delle materie della prova precedente e, inoltre, dell’utilizzo delle apparecchiature e applicazioni informatiche e della lingua inglese.

Ultimi articoli

Sanità Molise: nuovi concorsi e 1000 posti di lavoro

Nella sanità del Molise sono presenti varie opportunità di lavoro per il triennio. Ciò avverrà tramite concorsi, liste di...

Potrebbe interessarti anche