lunedì, 22 Aprile 2024

Concorso Agenzia delle Entrate 2023, almeno due quesiti errati per Funzionario Tributario: possibile ricorso TAR

Di questo autore

Da pochi giorni sono stati pubblicati i risultati delle prove scritte dei due concorsi indetti dall’Agenzia delle Entrate che, complessivamente, porteranno all’assunzione di 4500 funzionari.

Dopo l’espletamento delle prove scritte  relativa al concorso per l’assunzione di 530 funzionari per i servizi di pubblicità immobiliare e 3900 circa funzionari per il profilo tributario, la Redazione ha ricevuto moltissime segnalazioni di irregolarità, come la somministrazione dei medesimi quesiti sia per il turno della mattina che del pomeriggio, che in relazione alla presenza di quesiti errati.

Nei giorni scorsi abbiamo dedicato un articolo ad hoc ai quesiti errati per il profilo servizi di pubblicità immobiliare.

Inoltre, a  seguito di numerose segnalazioni, sono emersi quesiti errati anche per il profilo funzionario tributario. In particolare, tali quesiti – in particolare –  si riferiscono soprattuto  alla prova della mattina del 24 novembre busta n. 6 e sono i seguenti:

Si chiede la distinzione delle società in base allo scopo, le risposte erano:
-società commerciali e non commerciali
-società lucrative e società cooperative (risposta data esatta da Formez)
-Società di persone e società di capitali

Invero, in base allo scopo le società di possono distinguere in società lucrative e non lucrative, come pacificamente affermato da tutti i manuali di diritto commerciale: di certo una società in base allo scopo non può venire classificata quale società cooperativa, che non riguarda – appunto – il fine societario.  Tale quesito, dunque, appare palesemente errato e/o illogico, e sicuramente oggetto di impugnazione innanzi al TAR.

Si chiede nella società a responsabilità limitata, al momento del perfezionamento dell’atto costitutivo (art. 2464 c.c.):, le risposte erano
-Il capitale deve essere sottoscritto e versato integralmente
-Il capitale deve essere sottoscritto integralmente e versato nella misura minima del 25%; i conferimenti in denaro, di beni in natura e i crediti devono essere effettuati integralmente (risposta data esatta da Formez).
-Il capitale deve essere sottoscritto integralmente e versato nella misura minima del 25%, anche per quanto riguarda i conferimenti di beni in natura e i crediti.

Tale risposta – data come esatta – in realtà è palesemente errata, per come formulata: il conferimento in denaro, difatti, non deve essere effettuato integralmente, a norma dell’art. 2464 c.c., ma versato nella misura minima del 25%, come per altro indicato all’inizio della risposta. Dunque,  anche tale quesito appare palesemente errato e/o illogico, e sicuramente oggetto di impugnazione innanzi al TAR.

La presenza dei suddetti quesiti errati consentirà a chi proporrà ricorso di ottenere l’annullamento del quesito ed il riconoscimento sia del punteggio positivo, ossia + 0,43 punti, che la rimozione della penalità pari a – 0,08 punti (solo in caso di risposta errata). Ciò permetterà ai candidati, al momento ingiustamente esclusi dalla selezione a causa della presenza nel questionario di tale domanda, di poter essere riammessi in graduatoria tra gli i idonei o, se già idonei, di acquisire ulteriore punteggio.

Altre persone, inoltre, hanno segnalato ulteriori quesiti incoerenti e/o illogici anche per profilo di funzionario tributario.

La Redazione, allo scopo di cercare di fornire una tutela ai candidati/lettori, si è rivolta all’avv.to Riccardo Ferretti, specializzato in Diritto Amministrativo, con speciale riguardo alla materia dell’accesso al pubblico impiego, il quale si sta già occupando della questione e si è reso disponibile, a titolo gratuito, per valutare i singoli questionari e fornire una consulenza legale al fine di verificare i presupposti per introdurre un ricorso al TAR, finalizzato ad ottenere l’annullamento dei quesiti contestati e, conseguentemente, il riesame della posizione del ricorrente con l’attribuzione del punteggio ingiustamente negato.

Si precisa che, rispetto alla presenza di quesiti errati/ambigui, sarà sempre necessaria la segnalazione del quesito “incriminato” da parte di chi richiede la consulenza.

Pertanto, chi è interessato ad ulteriori informazioni può inviare una mail per chiedere informazioni ed una valutazione del questionario (in maniera totalmente gratuita), per entrambi i profili, all’indirizzo [email protected] o compilare il seguente form:

AGGIORNAMENTI           

Per restare aggiornati sui concorsi Agenzia delle Entrate invitiamo i nostri lettori ad unirsi ai nostri gruppi Facebook e Telegram dedicati.

CONCORSO AGENZIA DELLE ENTRATE – SIMULATORE GRATUITO

Informiamo tutti i candidati che non appena saranno pubblicati i bandi renderemo disponibili sulla nostra app “Worky – Concorsi e lavoro” le simulazioni del concorso. Si tratta di un’app totalmente gratuita scaricabile sia su dispositivi Apple che Android che permette agli utenti di potersi esercitare sulle materie del concorso comodamente dal proprio smartphone.

Con un’interfaccia semplice e intuitiva, l’app permette di poter rispondere a un vasto database di domande per prepararsi ai concorsi pubblici. In occasione delle prove del concorso, lo staff di Concorsi-pubblici e Worky, ha reso disponibili sull’app Worky le materie per esercitarsi in maniera del tutto gratuita (Per scaricare l’app android dal Play Store, clicca qui;  Per scaricare l’app dall’Apple Store, clicca qui.).

L’app “Worky – Concorsi e Lavoro” offre anche la possibilità di selezionare solamente determinati gruppi di domande e poter quindi lavorare, ad esempio, sulle risposte errate date in precedenti occasioni: in questo modo, si potrà ripassare e migliorare a ogni utilizzo dell’app e ogni volta che si ripete un quiz. Per qualsiasi dubbio circa l’app e le sue funzioni, potete mandare una mail all’indirizzo [email protected] 

Ultimi articoli

Ministero della Cultura: 46 assunzioni di esperti catalogatori

È stato indetto un concorso pubblico che prevede l'assunzione di 46 esperti catalogatori presso le biblioteche pubbliche statali del Ministero...

Potrebbe interessarti anche