mercoledì, 19 Giugno 2024

Funzionario Agenzia delle Entrate: mansioni e stipendio

Di questo autore

Importanti novità in arrivo: sono diversi i bandi finalizzati all’assunzione di nuove unità di funzionario Agenzia delle Entrate. Per il biennio 2023-2024 tantissime nuove figure saranno infatti assunte per garantire maggiore stabilità all’azienda ed un maggiore turnover generazionale.

L’Agenzia delle Entrate ha ufficializzato la notizia: entro questo mese sarà pubblicato il bando che garantirà l’assunzione di 4.500 nuovi funzionari. Nello specifico si tratta di:

  • Funzionari per attività tributaria
  • Funzionari per servizi di pubblicità immobiliare.

Funzionario Agenzia delle Entrate: di cosa si occupa?

Il Funzionario Agenzia delle Entrate è una figura molto importante all’interno dell’Azienda. Il suo ruolo si concentra sulla gestione dei servizi di pubblicità immobiliare, dell’assistenza e la consulenza agli utenti, delle attività di aggiornamento e conservazione delle banche dati di pubblicità immobiliare.

Inoltre tra le sue mansioni, vi è anche il controllo dei procedimenti di volontaria giurisdizione, delle attività di monitoraggio in caso di rifiuto o riserva dei conservatori.

Ma cosa fa un funzionario dell’Agenzia delle Entrate nello specifico? Una prima considerazione può esser fatta considerando in primis il livello e l’ufficio specifico nel quale quest’ultimo lavora, cioè se si trova nelle Strutture Centrali o nelle Direzioni Regionali.

Anche il funzionario che lavora nelle Strutture Centrali dell’Agenzia delle Entrate può essere destinato all’attività legale o a quella fiscale e molto dipende anche dai requisiti di accesso necessari.

Tra le diverse mansioni del funzionario dell’Agenzia delle Entrate, è possibile ritrovare:

  • dirigenza e coordinamento delle unità organizzative anche di rilevanza esterna;
  • lo svolgimento di attività ispettive, di valutazione, di verifica, di controllo, di programmazione e di revisione;
  • essere adibiti a relazioni esterne dirette con il pubblico di tipo complesso e a relazioni organizzative interne anch’esse di tipo complesso;
  • essere in grado di effettuare studi e ricerche.

Tra le altre qualità che deve possedere un buon funzionario dell’Agenzia delle Entrate troviamo:

  • problem solving;
  • tensione al risultato;
  • iniziativa;
  • flessibilità;
  • orientamento all’altro.

Alla luce di quanto esposto, cosa bisogna fare per diventare un Funzionario Agenzia delle Entrate? Sono molteplici i requisiti, tra cui:

  • godimento dei diritti civili e politici;
  • non aver subito condanne penali.

Oltre a questi, ad ogni modo, vi sono anche requisiti più specifici che riguardano i titoli di studio, ovvero il possesso del titolo di laurea in ambito giuridico:

  • Scienze dei servizi giuridici (L-14);
  • Diploma di laurea in Giurisprudenza (ordinamento previgente al D.M. n. 509/99);
  • Laurea specialistica o magistrale equiparata ai suddetti diplomi di laurea (Decreto interministeriale del 9 luglio 2009).

Per potersi preparare al meglio al superamento delle varie prove d’esame per diventare Funzionario Agenzia delle Entrate, sono diverse le materie da studiare tra cui: Diritto civile e amministrativo, elementi di diritto processuale civile, elementi di diritto tributario ed elementi di diritto penale.

Funzionario Agenzia delle Entrate: quanto guadagna

Ma quanto guadagna un Funzionario Agenzia delle Entrate? Per capire a quanto ammonta lo stipendio, bisogna prima fare un’analisi accurata su diversi concetti. In primis occorre consultare il Contratto Collettivo Nazionale del Lavoro di riferimento partendo dalla posizione economica e l’area retributiva legata alla proprio profilo professionale.

Successivamente vanno anche considerate le mansioni e gli orari che il Funzionario svolge, i quali dipendono spesso dagli uffici nei quali il dipendente andrà a lavorare.

Ad ogni modo è il Contratto Collettivo Nazionale del Lavoro Funzioni Centrali nel quale rientrano anche Ministeri ed Enti pubblici non economici, che ci permette di conoscere l’effettivo stipendio.

Arrivando al punto, un Funzionario Agenzia delle Entrate per la terza area funzionale, fascia retributiva F1, ha uno stipendio di 1.870,64 euro.

Le prove da sostenere

In merito alle prove concorsuali da sostenere per diventare un Funzionario Agenzia delle Entrate, è necessario tenere in considerazione le prove relative ai precedenti concorsi.

Ad ogni modo è possibile già dire che con ogni probabilità potrà essere presente una prova preselettiva che consisterà in domande a risposta chiusa (con quiz anche di logica).

Successivamente i candidati si troveranno a svolgere una o più prove scritte inerenti le materie a concorso e una prova orale che si baserà sulle materie già elencate, sulla conoscenza della lingua inglese e su una prova di informatica.

In merito al punteggio, è già possibile affermare che saranno ammessi alla successiva prova orale i candidati che riporteranno il punteggio di almeno 21/30.

L’Agenzia delle Entrate: il futuro

Con la fine del 2024, come annunciato dal direttore dell’Agenzia delle Entrate Ernesto Maria Ruffini, si punterà ad un obiettivo finalizzante, ovvero l’assunzione di 11mila nuovi funzionari Agenzia delle Entrate. 

Volendo basarsi su una statistica attuale riguardante i funzionari, attualmente l’età media è di 55 anni. I nuovi ingressi garantiranno all’ente di “superare la boa della sopravvivenza”, volendo riprendere le parole del direttore Ernesto Maria Ruffini.

Ultimi articoli

Concorso Vigili del fuoco: in arrivo il bando per 350 posti

Il Concorso Vigili del Fuoco 2024 è alle porte con un nuovo bando che prevede l'assunzione di 350 nuovi...

Potrebbe interessarti anche