venerdì, 21 Gennaio 2022

Bando delle idee, finanziamenti da 25mila euro per giovani

Di questo autore

Concorso Maeci: a febbraio le prove scritte verranno svolte da remoto

Come annunciato più di un mese fa, è uscito il calendario delle prove scritte del concorso Maeci (Ministero degli...

Istruttori amministrativi: pubblicati nuovi bandi

Diversi comuni Italiani hanno avviato delle procedure di selezione per l'assunzione delle figure professionali di istruttori amministrativi, categoria C. In particolare...

Scuola Secondaria: in arrivo la prova scritta per le classi A-13

Il MIUR è in procinto di pubblicare il calendario della prova scritta del Concorso Scuola Secondaria. In particolare, le classi...

E’ stato bandito l’avviso pubblico per realizzare l’Azione “Bando delle Idee” attraverso il finanziamento di progetti che devono essere attuati sul territorio della Regione Lazio e rivolti a favore di giovani tra i 15 ed i 35 anni di età.

Ciascun progetto è finanziabile nella misura massima di € 25.000,00 (comprensivo del 20 % a carico del soggetto promotore). I progetti che presentino un costo complessivo superiore a tale cifra è finanziabile esclusivamente se il soggetto proponente dimostri, con idonea documentazione, l’esistenza di adeguate forme di finanziamento del costo eccedente.

I progetti devono perseguire le seguenti finalità:

–          potenziare lo sviluppo di associazioni e di gruppi creati e gestiti a maggioranza da giovani, favorendo lo spirito di iniziativa in attività creative, artistiche, culturali, del tempo libero, della vita associativa, di aggregazione e di solidarietà con altri gruppi di giovani le cui idee ispiratrici potranno essere utilizzate come buone pratiche e diventare modello trasferibile per altri gruppi, riproducibile in altri contesti territoriali;

–          promuovere azioni di attività di legalità diffusa, di solidarietà, di integrazione delle comunità straniere, favorendo le relazioni intergenerazionali, per il mantenimento, rafforzamento e sviluppo del tessuto sociale, anche, attraverso la rivisitazione delle arti e tradizioni, dei mestieri spariti e delle vocazioni artigianali locali;

–          creare e potenziare sedi, strutture e attrezzature condivise – reali e virtuali – anche in zone a forte criticità sociale, in grado di erogare attività e servizi, facilitare forme di aggregazione di giovani che condividono valori e spazi, in modo collaborativo e informale, interessati a mettere in sinergia talento, creatività, abilità, capacità tecniche, artistiche e/o accrescere competenze di tipo professionale diversificate e indipendenti;

–          incoraggiare lo spirito di iniziativa, la partecipazione attiva dei giovani in attività culturali, artistiche, storico-archeologiche, paesaggistico-naturalistiche, incentivando i settori e i processi innovativi, valorizzando il tempo libero, la crescita e lo sviluppo della cultura sportiva (aggregazione, partecipazione, competitività, lealtà, rispetto delle regole);

–          valorizzare le tematiche di genere quali: pari opportunità, diffusione della cultura e dell’educazione alla parità, educazione dei giovani contro la violenza, soprattutto in zone a forte degrado urbano;

–          favorire l’uguaglianza di genere, in particolare nella fase della maternità, in un ambito sociale che concretizzi la “conciliazione possibile” tra attività lavorativa e maternità, fra professionalità e flessibilità, creatività produttiva e non solo quantità lavorativa, valorizzando forme di aggregazione in grado di erogare servizi e facilitare l’espressione delle diverse competenze e abilità, funzioni e ruoli anche di tipo professionale, al fine di permettere loro una effettiva continuità lavorativa;

–          creare reti di partenariato o di relazioni con i soggetti, istituzionali e non, della comunità locale, incoraggiando il coinvolgimento, anche finanziario, di diverse strutture, enti, istituzioni ed associazioni operanti sul territorio finalizzate alla diffusione delle buone pratiche e la realizzazione dei progetti.

Possono presentare proposte progettuali organismi privati senza fini di lucro, quali le associazioni, consorzi di associazioni comunque denominati – con organi statutari regionali autonomi, sede legale, sede operativa e attività realizzata nel territorio regionale – composte nella maggioranza da soggetti fino ai 35 anni di età, ovvero nei ruoli del consiglio direttivo o nell’organo amministrativo, del Rappresentante legale o del Presidente e/o Vice-presidente e/o gruppi o comitati o organismi previsti dallo statuto, esclusa l’assemblea dei soci, e costituite per atto pubblico o scrittura privata registrata, nei cui statuti e/o regolamenti siano previste finalità di promozione e sostegno di attività rivolte al mondo giovanile.

Le domande e la relativa documentazione dovranno pervenire, a pena di esclusione, all’indirizzo: Regione Lazio – Direzione regionale “Cultura e Politiche giovanili” – Area “Politiche Giovanili e Creatività” – Via Rosa Raimondi Garibaldi, 7 – 00145 Roma, entro e non oltre le ore 14,00 del giorno 07 gennaio 2014.

Per ulteriori informazioni e la relativa modulistica consultate il portale della Regione Lazio collegandovi al seguente indirizzo: www.regione.lazio.it/rl_giovani.

Ultimi articoli

Concorso Maeci: a febbraio le prove scritte verranno svolte da remoto

Come annunciato più di un mese fa, è uscito il calendario delle prove scritte del concorso Maeci (Ministero degli...

Potrebbe interessarti anche