venerdì, 23 Febbraio 2024

Concorso Maeci – 300 posti: possibili quesiti errati nella prova scritta, fattibile ricorso TAR?

Di questo autore

Negli ultimi giorni sono stati resi disponibili ai candidati, sui rispettivi profili personali nella
piattaforma concorsi smart, gli esiti della prova scritta del MAECI, per titoli ed esami, per il
reclutamento di un contingente complessivo di 300 unità di personale non dirigenziale, a tempo indeterminato.
Le prove scritta consistevano in un questionario composto da 40 quesiti da risolvere in 60 minuti e, ai fini dell’idoneità, ai candidati veniva richiesto di raggiungere almeno il punteggio di 21/30.
La prova veniva divisa in diverse sessioni suddivise per codice di concorso e, già all’uscita dalla sede di prova, alcuni candidati si lamentavano della presenza di quesiti ambigui o errati.
Ebbene, dopo la pubblicazione degli esiti e la possibilità di accedere agli elaborati, molti candidati ci hanno segnalato la presenza di quesiti errati o irragionevoli/illogici in entrambe le sessioni di prova.

CONCORSO MAECI – RICORSO TAR

Per tale ragione la Redazione, con la consulenza dell’avv.to Riccardo Ferretti, specializzato in Diritto Amministrativo, con speciale riguardo alla materia dell’accesso al pubblico impiego e dei concorsi pubblici, si rende disponibile, a titolo gratuito, a visionare i singoli questionari per verificare la presenza di quesiti eventualmente contestabili.
Infatti, la presenza di quesiti errati consentirebbe tramite ricorso al TAR di ottenere l’annullamento del quesito impugnato ed il riconoscimento sia del punteggio positivo, ossia + 0,75 punti, che la rimozione della penalità pari a – 0,25 punti (solo in caso di risposta errata), consentendo, quindi, ai candidati al momento ingiustamente esclusi dalla selezione di poter essere riammessi e di poter sostenere la prova orale.
A tal fine tramite il ricorso al TAR Lazio si chiederà, in via cautelare, l’ammissione con riserva del ricorrente alla fase successiva dal concorso, in maniera tale da consentirgli, una volta superata la prova orale, l’inserimento in graduatoria.
Si precisa che, rispetto alla presenza di quesiti errati/ambigui, sarà sempre necessaria la
segnalazione del quesito “incriminato” da parte di chi richiede la consulenza gratuita.
Pertanto, chi è interessato ad ulteriori informazioni può inviare una mail per chiedere informazioni ed una valutazione del questionario (in maniera totalmente gratuita) all’indirizzo ricorsi@concorsi- pubblici.org o compilare il seguente form:

Ultimi articoli

Ufficio del Processo: possibile conversione dei contratti a tempo indeterminato. Tutte le novità

Importanti novità in arrivo per tutti coloro che hanno partecipato al concorso indetto per il reclutamento di addetti all’Ufficio...

Potrebbe interessarti anche