martedì, 16 Aprile 2024

Concorso Regione Campania 2023, leader della Cisl accusa: “E’ un bluff, l’ennesimo?”

Di questo autore

Nelle ultime settimane dello scorso anno il presidente della regione, Vincenzo De Luca, durante la consueta diretta sui propri canali social, ha annunciato l’arrivo di un nuovo concorso per l’assunzione di circa 5.000 unità presso gli uffici della Regione Campania.

L’idea, secondo quanto dichiarato, era quella di chiudere le operazioni entro il 2023 con immissione veloce in ruolo entro 9-12 mesi dalla pubblicazione del bando. Proprio per questo si era pensato ad una procedure velocizzata che avrebbe previsto una sola prova scritta seguita da tre mesi di formazione professionale ed infine una prova orale.

In realtà, ad oggi, non si hanno notizie a riguardo e, al contempo, i Comuni della regione versano in condizioni drammatiche considerando che in alcuni Enti non si riesce nemmeno a produrre un documento di identità in tempi brevi data la carenza di personale.

LE ACCUSE DELLA CISL

“Sono trascorsi sette mesi dall’approvazione della delibera di giunta regionale con cui si emanava un atto di indirizzo per la ricognizione sul fabbisogno di personale nelle autonomie locali da mettere a concorso. Da allora non si è saputo più niente. E’ un bluff, l’ennesimo? O la burocrazia, sulla quale da anni si predica e si legifera per semplificarla, la fa ancor da padrone nella più importante istituzione territoriale? O ci sono problemi politici con i Comuni che non vogliono più salire sul carrozzone regionale?”.

Le accuse arrivano direttamente dal leader della Cisl funzione pubblica della Campania, Lorenzo Medici, che ha acceso i riflettori sul problema delle tempistiche. La Confederazione Sindacale, ovviamente, appoggia in pieno le intenzioni della Regione di rafforzare gli Enti e ridurre il tasso di disoccupazione ma alle parole devono far seguito i fatti. E finora di fatti non se ne sono visti!

Abbiamo una situazione drammatica, soprattutto nei comuni, dove spesso non si riesce nemmeno a produrre un documento di identità per carenza di personale, per cui siamo d’accordo nell’utilizzare le risorse del programma del Fondo sociale europeo 2021-2027 per formare nuovi addetti e coprire i vuoti spaventosi di organico esistenti, in attuazione delle linee guida adottate dal Ministero della semplificazione che prevedono per il reclutamento la possibilità del concorso pubblico unico in ambito regionale quando le posizioni vacanti si trovano tutte sullo stesso territorio”.

E’ un’opportunità da cogliere, anche perché la stragrande maggioranza degli interessati non ha le risorse per emanare bandi in proprio. Ma resta il fatto che a sette mesi di distanza dalla decisione assunta non sappiamo ancora se siano state avviate le procedure per acquisire i fabbisogni degli enti locali e la rilevazione della loro capacità assunzionale. Né quando si darà corso al tutto. A pensar male si fa peccato, spesso è vero, ma non vorremmo che questa storiella del concorsone n. 2 si porti avanti fino alle elezioni in programma nel 2025” conclude Medici.

CONCORSO REGIONE CAMPANIA – SIMULATORE GRATUITO

Insomma, non resta altro che attendere la pubblicazione del bando che permetterà l’assunzione di 5mila giovani. In attesa di nuovi aggiornamenti, informiamo i nostri lettori che, non appena sarà pubblicato il bando e saranno rese note ulteriori informazioni sulle materie d’esame, renderemo disponibile sulla nostra app “Worky – Concorsi e lavoro” la simulazione del concorso. Si tratta di un’app totalmente gratuita scaricabile sia su dispositivi Apple che Android che permette agli utenti di potersi esercitare sulle materie del concorso comodamente dal proprio smartphone.

Con un’interfaccia semplice e intuitiva, l’app permette di poter rispondere a un vasto database di domande per prepararsi ai concorsi pubblici. In occasione delle prove dei concorsi lo staff di Concorsi-pubblici e Worky renderà disponibili sull’app Worky le materie per esercitarsi in maniera del tutto gratuita (Per scaricare l’app android dal Play Store, clicca qui;  Per scaricare l’app dall’Apple Store, clicca qui.).

L’app “Worky – Concorsi e Lavoro” offre anche la possibilità di selezionare solamente determinati gruppi di domande e poter quindi lavorare, ad esempio, sulle risposte errate date in precedenti occasioni: in questo modo, si potrà ripassare e migliorare a ogni utilizzo dell’app e ogni volta che si ripete un quiz. Per qualsiasi dubbio circa l’app e le sue funzioni, potete mandare una mail all’indirizzo [email protected]

AGGIORNAMENTI

Per restare aggiornati, consigliamo a tutti i lettori interessati l’iscrizione al gruppo Facebook e Telegram dedicato.

Ultimi articoli

ASST Rhodense: concorso per 40 infermieri. Online il bando

L'Azienda Socio-Sanitaria Territoriale (ASST) "Rhodense" di Garbagnate Milanese ha indetto un concorso pubblico, per titoli ed esami, per la...

Potrebbe interessarti anche