lunedì, 27 Maggio 2024

Pubblica Amministrazione: migliaia di assunzioni e rientro in servizio dei pensionati

Di questo autore

Una nuova accelerata arriva dal Governo riguardo il PNRR (Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza), giunto ormai alla sua seconda edizione, e più in generale sui concorsi pubblici. La Pubblica Amministrazione italiana, infatti, è ormai da tempo che soffre di importanti vuoti d’organico dovuti al quasi ventennale blocco delle assunzioni in funzione del contenimento della spesa pubblica.

L’obiettivo del Governo è quello di incrementare le assunzioni nella pubblica amministrazione per far fronte alla carenza e al turnover del personale. In quest’ottica si prevede il reclutamento di circa un milione di unità entro il 2030 per raggiungere un’età media dei dipendenti di circa 50 anni.

PUBBLICA AMMINISTRAZIONE: RIENTRO IN SERVIZIO DEI PENSIONATI

Non solo nuovi inserimenti, nel decreto atteso nei prossimi giorni vengono riaperte le porte anche ai pensionati. Secondo quanto riportato nella prima bozza, dunque, sarà possibile per tutti gli enti pubblici, che siano o meno attuatori di progetti PNRR, offrire ai pensionati degli incarichi retribuiti per due anni entro il limite del 10% delle facoltà assunzionali.

I Ministeri, invece, avranno l’opportunità di trattenere in servizio segretari e dirigenti in possesso di specifiche professionalità. Non vengono posti limiti temporali in questo caso ma è difficile ipotizzare un tempo troppo lungo.

Inoltre, il decreto prevederà la presenza di una quota riservata nei concorsi agli under 30 pari a quella occupata dagli incarichi retribuiti oltre che la possibilità di aumentare del 12% gli incarichi dirigenziali esterni.

CAOS CONCORSI PUBBLICI

Tutti gli sforzi fatti finora dalle Amministrazioni nel tentativo di rinforzare la macchina amministrativa italiana non hanno portato i risultati sperati. Il Formez ha reso noto che circa il 20% dei vincitori dei concorsi pubblici si è alla fine tirato indietro. Il motivo è da ricercare nei contratti proposti, prevalentemente a tempo determinato, e nel fatto che i giovani non sono più disposti a sottoporsi ad onerose trasferte o a trasferirsi lontano da casa.

A questo si aggiunge poi il numero elevatissimo di concorsi pubblici che sono stati banditi nell’ultimo biennio. In virtù delle numerose possibilità, infatti, i candidati hanno partecipato a più concorsi risultando vincitori per più posizioni lavorative e optando, poi, per il posto più vantaggioso. In questo modo, però, le amministrazioni meno ambite sono andate in difficoltà.

Il nuovo Decreto PNRR, quindi, ha proprio come obiettivo il superamento degli intoppi per procedere al rinforzo della Pubblica Amministrazione.

AGGIORNAMENTI

Per tutti gli aggiornamenti invitiamo i lettori a visitare il nostro sito ufficiale, la nostra pagina Facebook e il nostro profilo Instagram.

Ultimi articoli

Corso di preparazione Concorso Agenzia delle Entrate – 80 Funzionari: le risposte alle domande più frequenti

Come noto, L’Agenzia delle Entrate da qualche settimana ha pubblicato ufficialmente il bando per l’assunzione a tempo indeterminato di n....

Potrebbe interessarti anche