martedì, 31 Gennaio 2023

Concorso MIUR 304 posti, annullamento quesito dal TAR: ancora possibile fare ricorso, come procedere

Di questo autore

Concorso Comune di Napoli, scoperti nuovi quesiti errati alla prova scritta: come fare ricorso al TAR

Dopo la pubblicazione del nostro ultimo articolo relativo alla presenza di un quesito di informatica errato nel questionario somministrato...

Aovr Verona, concorso pubblico per 10 assistenti amministrativi: bando e requisiti

L'Aovr (Azienda Ospedaliera Universitaria Integrata) di Verona ha indetto un concorso per l'assunzione di 10 assistenti amministrativi appartenenti alle...

ASL Latina: 20 posti di infermiere a tempo determinato

L'ASL di Latina ha indetto un concorso pubblico per l'assunzione a tempo determinato di 20 collaboratori professionali sanitari-infermieri, cat....

Il TAR Lazio annulla un quesito situazionale presente nei test a risposta multipla della prova scritta del concorso pubblico, per esami, per il reclutamento di complessive n. 304 unità di personale non dirigenziale, a tempo indeterminato, area funzionale III, F1 vari profili professionali – Ministero dell’Istruzione.

Si avviano alla scadenza i termini per l’introduzione di un ricorso al TAR Lazio per i candidati inseriti nella graduatoria finale pubblicata, sul sito riqualificazione.formez, il 12 ottobre scorso.

Nei precedenti articoli abbiamo già trattato dell’annullamento di un quesito situazionale disposto dal TAR Lazio che ha consentito ai ricorrenti di ottenere una maggiorazione del punteggio di ben 0,375 punti.

Questo aumento consentirà, a seconda dei casi, di poter rientrare tra i vincitori di concorso, di ottenere un rilevante miglioramento del posizionamento in graduatoria o, se già vincitori, un miglioramento finalizzato alla scelta di una sede più favorevole di quella che altrimenti sarebbe stata assegnata.

Per consentire a chi non avesse letto i precedenti articoli di poter verificare la presenza nel proprio questionario del quesito annullato, lo si riporta di seguito:

Un collaboratore ha da poco avuto una bambina, oltre ai soliti pasticcini in ufficio, mi ha invitato ad una festa a casa sua. Non sono stati invitati anche altri colleghi.

Il TAR ha ritenuto la risposta indicata come maggiormente efficace dall’Amministrazione affetta da manifesta illogicità ed irragionevolezza affermando che, invece, la soluzione più efficace avrebbe dovuto essere la prima opzione: “Ebbene, seguendo un criterio di mera logica e ragionevolezza, la soluzione più opportuna non può che essere la prima, quella scelta dalla ricorrente, giacché la stessa prevede un comportamento onesto e trasparente allo scopo di far comprendere all’ipotetico collaboratore che non estendere l’invito a tutti i colleghi potrebbe causare dissapori all’interno dell’ufficio… È fuori di dubbio, infatti, che la scelta n. 1 sia quella che meglio corrisponde alla definizione di comportamento di tipo proattivo: parlare con il collaboratore ed esplicitargli la problematica è funzionale, in ottica proattiva, ad evitare che la stessa si manifesti e si ripeta in futuro; laddove invece il rifiutare con una scusa è certamente un approccio conservativo che non consente al collaboratore, autore del comportamento inopportuno, di capire il proprio “errore”, con il rischio che lo stesso venga replicato.

Effettivamente si tratta di un’ottima occasione per i candidati idonei non vincitori e vincitori che potranno avvalersi della giurisprudenza del TAR chiedendo l’applicazione anche al loro caso ed il conseguente aumento di punteggio finale.

I termini per ricorrere scadranno in data 11/12/2022, oltre tale termine non sarà più possibile far valere la questione dinanzi al TAR, con la conseguenza che non si potrà più ottenere l’aumento di punteggio.

Allo scopo di cercare di fornire una tutela ai candidati che nel corso della prova scritta hanno incontrato il menzionato quesito la nostra Redazione ha contattato l’avv. Riccardo Ferretti, specializzato in Diritto Amministrativo con una vasta esperienza nell’ambito dei concorsi pubblici, il quale ha ottenuto sia il primo che i successivi provvedimenti di accoglimento.

L’avvocato si è messo a disposizione per gli utenti della pagina al fine di assistere chi vorrà proporre ricorso al TAR Lazio per ottenere l’annullamento del quesito ed il riesame della posizione conseguentemente al riconoscimento del punteggio aggiuntivo.

Pertanto, chi è interessato ad ulteriori informazioni può inviare una mail con allegato il questionario per chiedere informazioni ed una valutazione del questionario (in maniera totalmente gratuita) all’indirizzo [email protected] o compilare il seguente form:

Per restare informati sui concorsi Miur, consigliamo ai lettori di iscriversi ai nostri gruppi Facebook e Telegram ad hoc per i concorsi Miur.

AGGIORNAMENTI

Infine, per tutti gli aggiornamenti invitiamo i nostri lettori a collegarsi alla nostra pagina web concorsi-pubblici.orgalla nostra pagina Facebook e alla nostra pagina Instagram. 

Ultimi articoli

Concorso Comune di Napoli, scoperti nuovi quesiti errati alla prova scritta: come fare ricorso al TAR

Dopo la pubblicazione del nostro ultimo articolo relativo alla presenza di un quesito di informatica errato nel questionario somministrato...

Potrebbe interessarti anche