venerdì, 30 Settembre 2022

Architetto: tutte le novità sull’esame di abilitazione

Di questo autore

Ministero della Cultura: più di 6.300 assunzioni entro il 2024

Recentemente il Ministero della Cultura e i sindacalisti hanno presentato un nuovo piano dei fabbisogni del personale triennale, grazie...

Università di Milano, concorso: 19 posti area biblioteche

L'Università di Milano ha indetto un concorso per l'assunzione a tempo pieno e indeterminato di 19 unità di personale,...

Regione Veneto, concorso per 45 assunzioni: i bandi

La Regione Veneto ha indetto nuovi concorsi per il 2022 con l'obiettivo di assumere 45 unità. Le assunzioni saranno...

Novità anche sul fronte degli esami di abilitazione per l’esercizio di determinate professioni, ed in particolare, di quella di architetto.

Anche per l’esame di architetto, infatti, è previsto lo svolgimento in modalità “semplificata” dell’esame di abilitazione, che consisterà in un’unica prova orale come stabilito dal decreto milleproroghe.

Tale modalità, com’è noto, è stata introdotta con l’imperversare della situazione pandemica ed è stata adottata per lo svolgimento di molteplici esami di abilitazione relativi alle più disparate professioni.

IL DECRETO MILLEPROROGHE

Il decreto Milleproroghe, invero, ha disposto che alcuni esami per l’abilitazione professionale debbano svolgersi in modalità semplificata.

L’ESAME DI ABILITAZIONE ALL’ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI ARCHITETTO

Come anticipato, l’esame di Stato consisterà in un’unica prova orale che si svolgerà a distanza, a differenza delle tradizionali prove scritte (prova pratica e prova scritta) seguite dalla prova orale.

Tale colloquio, pertanto, verterà sulle seguenti materie:

  • ordine e deontologia;
  • beni paesaggistici e codice dell’ambiente;
  • beni culturali;
  • acustica;
  • bioclimatica;
  • codice dei contratti pubblici;
  • antincendio;
  • sicurezza;
  • cantiere, computo metrico estimativo;
  • urbanistica;
  • progettazione;
  • barriere architettoniche;
  • tipologie;
  • tecnologie;
  • T.U. dell’edilizia;
  • restauro/rilievo;
  • strutture/NTC 2018;
  • attività professionale;
  • cultura architettonica e artistica. 

LE DOMANDE

Tra gli esempi di domande oggetto della prova orale potrebbero rilevare:

  1. Qual è la differenza tra CILA E SCIA?
  2. Chi è il soggetto abilitato a redigere l’APE?
  3. In quali ipotesi è prevista la radiazione dall’albo?

AGGIORNAMENTI

Per tutti gli aggiornamenti invitiamo i nostri lettori a collegarsi alla nostra pagina web concorsi-pubblici.orgalla nostra pagina Facebook e alla nostra pagina Instagram. 

Ultimi articoli

Ministero della Cultura: più di 6.300 assunzioni entro il 2024

Recentemente il Ministero della Cultura e i sindacalisti hanno presentato un nuovo piano dei fabbisogni del personale triennale, grazie...

Potrebbe interessarti anche