martedì, 5 Luglio 2022

Concorso RIPAM 1.541 posti, possibile ricorso al TAR avverso la graduatoria? Ecco cosa succede

Di questo autore

ASIA Napoli, concorso 500 posti: ecco come candidarsi

Dopo tanta attesa dal primo annuncio, è stato pubblicato il bando per il concorso ASIA Napoli. Questa procedura prevede...

Concorso segretari comunali 2021: pubblicata la banca dati

Il 1 luglio è stata pubblicata la banca dati per il concorso segretari comunali 2021. I candidati, dunque, potranno...

Polizia di Stato, bandi per l’assunzione di 292 vice ispettori tecnici

La Polizia di Stato ha pubblicato due concorsi per l'assunzione di 292 vice ispettori tecnici aperti a tutti i diplomati....

Il 25 marzo scorso è stata pubblicata la graduatoria relativa al concorso “RIPAM – 1541 unità Ministero del Lavoro”, fin dal primo momento sono scattate numerose polemiche riguardanti la fase di valutazione dei titoli dei candidati.

Infatti, dai punteggi attribuiti emerge che RIPAM abbia deciso di interpretare il Bando di concorso nel senso di non attribuire due punti aggiuntivi ai candidati che hanno partecipato alla selezione in forza di una Laurea Magistrale o di un Diploma di Laurea vecchio ordinamento.

L’omessa assegnazione di tali punteggi si pone in netto contrasto con la recentissima e consolidata giurisprudenza del TAR Lazio che, riferendosi alla Laurea Magistrale ed al Diploma di Laurea, ha affermato che: “Ove tale superiore titolo non fosse valutabile quale titolo aggiuntivo, si genererebbe un’illogica e irragionevole disparità di trattamento tra candidati che hanno conseguito titoli di cultura manifestamente diversi tra loro”.

Si aprono quindi le porte per i candidati lesi dalla decisione dell’Amministrazione per poter adire il Giudice Amministrativo, allo scopo di ottenere un riesame della posizione e l’assegnazione dei due punti ingiustamente negati.

Inoltre, altri candidati hanno segnalato che l’amministrazione, oltre a non riconoscere i due punti per i suddetti titoli di studio, ha commesso diversi errori nella valutazione dei titoli in generale.

A tal proposito, la nostra Redazione ha contattato l’avv. Riccardo Ferretti, specializzato in Diritto Amministrativo, il quale ci ha confermato che, previa valutazione di ogni situazione specifica, vi sarebbero i presupposti per ricorrere al TAR Lazio, sia con ricorso individuale, strumento che meglio si adatta alle esigenze del singolo ricorrente, che con ricorso collettivo, laddove più candidati condividano la medesima situazione, allo scopo di ottenere l’assegnazione del relativo punteggio.

 

Pertanto, chi è interessato ad ulteriori informazioni – circa il possibile ricorso individuale da esperire al TAR Lazio – può inviare una mail per chiedere informazioni (in maniera totalmente gratuita) all’indirizzo [email protected] o compilare il seguente form:

Ultimi articoli

ASIA Napoli, concorso 500 posti: ecco come candidarsi

Dopo tanta attesa dal primo annuncio, è stato pubblicato il bando per il concorso ASIA Napoli. Questa procedura prevede...

Potrebbe interessarti anche