mercoledì, 7 Dicembre 2022

Arma dei Carabinieri: polemica sulla domanda dedicata ai Pokémon

Di questo autore

Concorso ANAC: assunzioni per 20 funzionari a tempo indeterminato

E’ indetto un concorso pubblico, per titoli ed esami, finalizzato al reclutamento di un contingente complessivo di personale non...

Concorso Regione Campania, la giunta regionale ha approvato gli atti: tutti i dettagli

Nelle scorse settimane il presidente della regione, Vincenzo De Luca, durante la diretta sui propri canali social, ha annunciato l’arrivo...

Concorsi pubblici in uscita nel 2023: oltre 20mila posti di lavoro

L’anno che ci aspetta sarà ricco di nuovi concorsi pubblici. Quello che si prospetta, infatti, è un inverno che...

Con una nota del 02 febbraio 2022 l’Associazione Sindacale Carabinieri UNARMA ha domandato al Comandante generale chiarimenti circa uno dei quesiti presenti al 27esimo concorso interno per Sovrintendenti dedicata alla conoscenza del videogioco dei Pokémon.

IL CONCORSO INTERNO

Com’è noto il concorso per Sovrintendenti è una procedura di selezione interna all’Arma dei Carabinieri che si articola in:

  • una prova scritta consistente in un questionario tendente ad accertare il grado di preparazione professionale e di cultura generale;
  • nella valutazione dei titoli.

IL QUESITO “INCRIMINATO”

Ebbene, proprio nell’ambito della prova scritta è stata rilevata la seguente domanda:
“Qual è, tra le altre, una caratteristica dei Pokémon, le creature dell’omonimo videogioco di Satoshi Tajiri”? 

Nella nota presentata si parte dalla premessa che l’Arma dei Carabinieri è un’istituzione che opera nel sociale ed, in quanto tale, si rende necessaria la conoscenza delle culture e tendenze diffuse nella società.

A tal proposito, ciò che farebbe discutere non sarebbe la domanda avente ad oggetto i Pokémon in sé, in quanto, come sottolineato “una simile domanda rappresenta un ottimo testing per valutare se e in che misura il candidato appartiene alla comunità/utenza che ormai diffusamente non solo gioca, ma compete in veri e propri tornei”.

In altre parole, il quesito non avrebbe destato scalpore se fosse stata una domanda di “costume”, incentrata cioè sul fenomeno ludico-sociale dei Pokémon in generale.

Al contrario, la stessa è assolutamente priva di logica nel suo contenuto se si tiene conto delle risposte ad essa correlate:

  • che si nutrono di pizza;
  • che non muoiono in combattimento;
  • che camminano all’indietro;
  • che si spostano con biciclette ad una ruota.

LE CONCLUSIONI

Nella chiosa finale della nota, pertanto, è presente un velo di criticità attraverso l’affermazione secondo cui “l’Arma è convinta che di ben altri personaggi e combattimenti un carabiniere dovrebbe occuparsi e prepararsi o dimostrare di avere requisiti tali da affrontare in maniera coerente e lucida e sicuro un impegno sociale che va ben oltre la caccia ai Pokémon”.

LA NOTA DELL’ARMA

AGGIORNAMENTI

Per quanto concerne, invece, gli aggiornamenti circa le procedure concorsuali nell’ambito delle Forze Armate vi invitiamo ad unirvi al nostro gruppo Facebook

Ultimi articoli

Concorso ANAC: assunzioni per 20 funzionari a tempo indeterminato

E’ indetto un concorso pubblico, per titoli ed esami, finalizzato al reclutamento di un contingente complessivo di personale non...

Potrebbe interessarti anche