martedì, 31 Gennaio 2023

Ministero della Giustizia: in arrivo il bando per 5410 laureati e diplomati

Di questo autore

Concorso Comune di Napoli, scoperti nuovi quesiti errati alla prova scritta: come fare ricorso al TAR

Dopo la pubblicazione del nostro ultimo articolo relativo alla presenza di un quesito di informatica errato nel questionario somministrato...

Aovr Verona, concorso pubblico per 10 assistenti amministrativi: bando e requisiti

L'Aovr (Azienda Ospedaliera Universitaria Integrata) di Verona ha indetto un concorso per l'assunzione di 10 assistenti amministrativi appartenenti alle...

ASL Latina: 20 posti di infermiere a tempo determinato

L'ASL di Latina ha indetto un concorso pubblico per l'assunzione a tempo determinato di 20 collaboratori professionali sanitari-infermieri, cat....

Il Ministero della Giustizia è in procinto di bandire concorsi pubblici per il reclutamento di circa 5410 risorse aperti a diplomati e laureati.

Si tratta di procedure di selezione attuative del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR), vale a dire lo strumento di attuazione del programma di investimenti e riforme targato UE denominato Next Generation EU (NGEU).

Tra i principali obiettivi (c.d. missioni) perseguiti dal PNRR è previsto un programma di assunzioni di professionisti ed esperti a tempo determinato con facoltà di rinnovo.

Di tale notizia vi avevamo già informato in un articolo precedente che potete consultare cliccando qui.

LE RISORSE

Come accennato, le risorse ricercate dal Ministero della Giustizia sono laureati e diplomati.

Più precisamente, le posizioni aperte per i laureati sono circa 1660, così distribuite:

  • IT senior (180 unità, con laurea in informatica, ingegneria, ecc.)
  • contabilità senior (200 unità, con laurea in economia e commercio, scienze politiche o equipollenti)
  • edilizia senior (150 unità, con laurea in ingegneria, architettura o equipollenti)
  • statistico (40 unità, con laurea in scienze statistiche, scienze statistiche ed attuariali o equipollenti)
  • tecnico di amministrazione (1.060 unità, con laurea in giurisprudenza, economia e commercio, scienze politiche o equipollenti)
  • analista di organizzazione (30 unità, con laurea in giurisprudenza, scienze politiche, ecc.).

Si tratta di figure professionali per le quali è richiesta la laurea triennale, magistrale o diploma di laurea vecchio ordinamento.

Per quanto concerne i diplomati, le risorse da assumere sono all’incirca 750 così distribuite:

  • IT junior (280 unità, con diploma di istruzione secondaria di secondo grado rilasciato da Istituto tecnico – settore tecnologico ecc.)
  • contabilità junior (400 unità, con diploma di istruzione secondaria di secondo grado rilasciato da Istituto tecnico – settore economico)
  • edilizia junior (70 unità, diploma di istruzione secondaria di secondo grado rilasciato da Istituto tecnico – settore tecnologico – indirizzo costruzioni, ambiente e territorio o titoli di studio equipollenti).

Inoltre, è richiesto il diploma di istruzione secondaria di secondo grado anche per l’assunzione di personale tecnico amministrativo da inquadrare come operatore data entry con contratto a 36 mesi.

IL DECRETO

Il decreto con il quale è disposta l’assunzione di tali risorse è scaricabile cliccando qui.

Ultimi articoli

Concorso Comune di Napoli, scoperti nuovi quesiti errati alla prova scritta: come fare ricorso al TAR

Dopo la pubblicazione del nostro ultimo articolo relativo alla presenza di un quesito di informatica errato nel questionario somministrato...

Potrebbe interessarti anche