giovedì, 20 Gennaio 2022

Decreto Incarichi: assunzioni 1.000 esperti nella PA

Di questo autore

Concorso Maeci: a febbraio le prove scritte verranno svolte da remoto

Come annunciato più di un mese fa, è uscito il calendario delle prove scritte del concorso Maeci (Ministero degli...

Istruttori amministrativi: pubblicati nuovi bandi

Diversi comuni Italiani hanno avviato delle procedure di selezione per l'assunzione delle figure professionali di istruttori amministrativi, categoria C. In particolare...

Scuola Secondaria: in arrivo la prova scritta per le classi A-13

Il MIUR è in procinto di pubblicare il calendario della prova scritta del Concorso Scuola Secondaria. In particolare, le classi...

Come annunciato dal Ministro della Pubblica Amministrazione, Renato Brunetta, sono in arrivo nuove assunzioni. È infatti pronto il Decreto Incarichi che prevede l’assunzione di 1.000 esperti da impiegare nelle PA per il Piano Nazionale di Ripresa e di Resilienza (PNRR).

DECRETO INCARICHI: 1.000 ESPERTI NELLA PA

Nel parlare del Portale InPa, il ministro Brunetta ha colto l’occasione per annunciare le nuove 1.000 assunzioni di esperti. I nuovi inserimenti sono previsti entro dicembre del 2021 presso gli Enti Locali, le cui informazioni sono contenute in un DPCM di Ottobre 2021, non ancora pubblicato nella Gazzetta Ufficiale.

Previste dal PNRR, queste risorse andranno ad occuparsi del coordinamento delle amministrazioni regionali. Gli esperti verranno quindi inseriti presso le amministrazioni del territorio (Uffici Regionali, amministrazioni comunali e provinciali). Avverrà così una crescita della capacità amministrativa degli Enti. I compiti che spettano a tale profilo sono i seguenti:

  • supporto al recupero dell’arretrato;
  • supporto alle amministrazioni nella gestione delle procedure complesse;
  • assistenza tecnica ai soggetti proponenti per la presentazione dei progetti;
  • il supporto alle attività di misurazione dei tempi effettivi di conclusione delle procedure.

PROFILO PROFESSIONALE E REQUISITI

Per i compiti previsti dal PNRR, queste opportunità sono rivolte a esperti in vari settori. Sono infatti rivolte a coloro in possesso di competenze traversali (economiche, giuridiche, amministrative, ecc) utili nella Pubblica Amministrazione. Inoltre è necessaria l’esperienza nell’attività istruttoria o nelle attività tecnico amministrative connesse alla predisposizione di istanze nella PA.

Per prendere parte a queste assunzioni, è necessario essere in possesso dei seguenti requisiti:

  • iscrizione all’albo, collegio o ordine professionale di riferimento;
  • almeno 5 anni di permanenza nel relativo albo, collegio o ordine professionale;
  • non essere in quiescenza.

FONDI

Stando a quanto scritto nella bozza del Decreto Incarichi, per queste 1.000 assunzioni sono stati stanziati 320.300 euro per dicembre 2021. Questi fondi verranno così suddivisi per le Regioni:

  • Piemonte 19.137 euro;
  • Valle d’Aosta 4.861 euro;
  • Liguria 9.635 euro;
  • Lombardia 38.632 euro;
  • Provincia Autonoma Bolzano 6.251 euro;
  • Provincia Autonoma Trento 6.295 euro;
  • Veneto 21.074 euro;
  • Friuli Venezia Giulia 8.548 euro;
  • Emilia Romagna 19.659 euro;
  • Toscana 17.028 euro;
  • Umbria 7.402 euro;
  • Marche 9.594 euro;
  • Lazio 24.063 euro;
  • Abruzzo 10.551 euro;
  • Molise 6.139 euro;
  • Campania 30.173 euro;
  • Puglia 22.361 euro;
  • Basilicata 7.262 euro;
  • Calabria 13.216 euro;
  • Sicilia 26.456 euro;
  • Sardegna 11.962 euro.

CANDIDATURA

Per chi fosse interessato a questa nuova opportunità di lavoro nella PA, gli esperti e i professionisti dovranno attendere la pubblicazione degli incarichi nel portale InPa.

Ultimi articoli

Concorso Maeci: a febbraio le prove scritte verranno svolte da remoto

Come annunciato più di un mese fa, è uscito il calendario delle prove scritte del concorso Maeci (Ministero degli...

Potrebbe interessarti anche