giovedì, 20 Gennaio 2022

Pubblica Amministrazione, secondo il ministro Brunetta ci saranno 1,3 milioni di assunzioni entro il 2026

Le spiegazioni del ministro

Di questo autore

Concorso Maeci: a febbraio le prove scritte verranno svolte da remoto

Come annunciato più di un mese fa, è uscito il calendario delle prove scritte del concorso Maeci (Ministero degli...

Istruttori amministrativi: pubblicati nuovi bandi

Diversi comuni Italiani hanno avviato delle procedure di selezione per l'assunzione delle figure professionali di istruttori amministrativi, categoria C. In particolare...

Scuola Secondaria: in arrivo la prova scritta per le classi A-13

Il MIUR è in procinto di pubblicare il calendario della prova scritta del Concorso Scuola Secondaria. In particolare, le classi...

La Pubblica Amministrazione è pronta ad assumere un grande numero di lavoratori entro il 2026: si parla, infatti, di oltre 1,3 milioni. La notizia è arrivata proprio da Renato Brunetta, ministro per la Pubblica Amministrazione, il quale sta cercando di rivoluzionare il mondo dei concorsi pubblici.

Assunzioni cospicue

Secondo il ministro Brunetta, “saranno anni di vacche grasse per l’occupazione” con tante possibilità di assumere giovani professionisti e catapultarli nel mondo del lavoro. Questo potrà avvenire grazie ai fondi del PNRR (Piano Nazionale Ripresa e Resilienza). Infatti, sono anni proficui per le assunzioni di tecnici e figure specializzate da assumere con contratti a tempo determinato e incarichi di collaborazione. Il ministro ha poi spiegato che tutti i dipendenti a termine previsti per il PNRR saranno assunti a tempo determinato a tre anni rinnovabili per due, con procedure semplificate.

Selezioni semplificate

Renato Brunetta ha inoltre spiegato come funzionano le procedure accelerate nelle Pubbliche Amministrazioni. Ad esempio, i professionisti che rispondevano ai profili richiesti di un concorso sono stati invitati a presentare le candidature. Nel frattempo, queste candidature sono visionate anche dalle Regioni che iniziano una scrematura.

Portale InPa – cos’è e come funziona

Questo portale aiuterà le selezioni nella Pubblica Amministrazione e sarà possibile candidarsi sia ai progetti del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza, sia ai concorsi pubblici ordinari. La banca dati sfrutta, inoltre, la partnership con LinkedIn ma anche con le varie associazioni professionali. “Dobbiamo trovare le persone giuste e InPA è un sistema di efficientamento e trasparenza che siamo convinti possa aiutare questa fase particolarmente positiva e felice per il mercato del lavoro italiano” ha spiegato Brunetta.

Infine, durante la presentazione ufficiale di InPA, il ministro ha illustrato anche il servizio “Linea amica digitale”. Il suo funzionamento è simile ad una chat BOT e si concentra sulle modalità di assunzione e sui dubbi relativi alle procedure. Per saperne di più, il Ministero ha messo a disposizione questa slide: slidelineaamica.

ALTRE NEWS – PORTALE INPA

Durante una conferenza stampa tenutasi presso la Sala Polifunzionale della Presidenza del Consiglio dei ministri, il ministro PA è tornato a parlare del Portale InPa. Ha inoltre colto l’occasione per annunciare le future assunzioni di nuovi esperti, precisamente 1.000, che andranno a semplificare e gestire le procedure complesse. Per saperne di più, vi consigliamo la lettura del seguente articolo: “Portale InPa, l’annuncio di Brunetta: 1.000 assunzioni di nuovi esperti”.

Ultimi articoli

Concorso Maeci: a febbraio le prove scritte verranno svolte da remoto

Come annunciato più di un mese fa, è uscito il calendario delle prove scritte del concorso Maeci (Ministero degli...

Potrebbe interessarti anche