venerdì, 21 Gennaio 2022

Ufficio del Processo, Cartabia chiarisce “Ci sarà la stabilizzazione, ma non per tutti: ecco cosa accadrà”

Di questo autore

Concorso Maeci: a febbraio le prove scritte verranno svolte da remoto

Come annunciato più di un mese fa, è uscito il calendario delle prove scritte del concorso Maeci (Ministero degli...

Istruttori amministrativi: pubblicati nuovi bandi

Diversi comuni Italiani hanno avviato delle procedure di selezione per l'assunzione delle figure professionali di istruttori amministrativi, categoria C. In particolare...

Scuola Secondaria: in arrivo la prova scritta per le classi A-13

Il MIUR è in procinto di pubblicare il calendario della prova scritta del Concorso Scuola Secondaria. In particolare, le classi...

Arrivano importanti aggiornamenti in merito alla possibile stabilizzazione dei futuri vincitori del Concorso Ufficio del Processo, indetto lo scorso 6 agosto dal Ministero della Giustizia, che mette in palio 8.171 posti di addetti all’Ufficio per il processo. Secondo il bando, gli assunti inizialmente un contratto a tempo determinato della durata di 3 anni presso la Corte di Cassazione e nei distretti delle Corti di Appello.

Tuttavia, la Ministra della Giustizia Marta Cartabia, intervenuta oggi in un dibattito presso la Corte d’Appello di Palermo, ha parzialmente chiarito se ci siano i margini o meno per una futura stabilizzazione dei vincitori. Ecco un estratto delle dichiarazioni della Ministra:

“Oltre il PNRR, Uno dei pilastri nelle nostre due riforme (della giustizia civile e penale, ndr) è la stabilizzazione dell’ufficio del processo. – ha sottolineato il ministro – È vero che i numeri non potranno essere quelli iniziali dovuti alle risorse europee eccezionali mai improntate come queste alla crescita e allo sviluppo, ma l’ufficio del processo non è una creazione dal nulla, nasce da una sperimentazione già felicemente funzionante in altri paesi del mondo, all’estero si stupiscono che non ci sia qualcosa di analogo da noi. Dovremo ancora capire se le figure dell’ufficio processo entreranno stabilmente o solo in via temporanea come avviene nei sistemi anglo-americani – ha sottolineato – ma l’ufficio del processo è un aiuto immediato e un investimento per i futuri colleghi, è un patto intergenerazionale”.

Pertanto, secondo quanto dichiarato da Marta Cartabia, sembra che non tutti gli 8171 vincitori del concorso potranno rinnovare il contratto presso il Ministero dopo i 3 anni previsti dall’attuale bando, ma per alcuni davvero potrebbe aprirsi le porte della stabilizzazione.

A ogni modo, secondo il piano d’azione stilato dal Ministero della Giustizia, dopo lo svolgimento delle prove scritte i vincitori, nel mese di dicembre, sceglieranno le sedi, mentre i capi degli uffici giudiziari predisporranno il progetto organizzativo. Entro febbraio 2022 i vincitori prenderanno servizio negli uffici giudiziari e a giugno 2022 vi sarà un primo monitoraggio dell’attività svolta.

CONCORSO UFFICIO DEL PROCESSO – GRUPPI TELEGRAM E FACEBOOK

Ricordiamo, inoltre, che per qualsiasi informazione ulteriore sul Concorso Giustizia 2021  e per restare aggiornati sulle novità in arrivo, sono presenti i Gruppi Telegram e Facebook appositamente dedicati.

Ultimi articoli

Concorso Maeci: a febbraio le prove scritte verranno svolte da remoto

Come annunciato più di un mese fa, è uscito il calendario delle prove scritte del concorso Maeci (Ministero degli...

Potrebbe interessarti anche