sabato, 20 Agosto 2022

Concorso tecnici sud, i vincitori e la loro denuncia: “Siamo nel limbo”. Arriva il comunicato del Formez

Di questo autore

Comune di Roma, nuovo concorso in arrivo: 1500 posti di vigile urbano

È in arrivo un nuovo concorso pubblico nel Comune di Roma. La procedura prevede l'assunzione di 1500 posti di...

Comune di Napoli, come inviare la domanda per il concorso da 1.394 posti

Il Comune di Napoli ha indetto tre concorsi pubblici per l'assunzione di 1.394 unità. I bandi sono disponibili anche...

ASL Genova, 43 posti: come candidarsi

Nelle settimane scorse l'ASL di Genova ha indetto un nuovo concorso pubblico. La procedura concorsuale prevede la selezione a...

Fortemente voluto dal Ministro Renato Brunetta e dalla Ministra Mara Carfagna, il Concorso per il 2800 Tecnici al Sud si è rivelato un vero flop. Dalla sua pubblicazione in Gazzetta Ufficiale, la procedura è stata spesso al centro delle critiche.

L’ultima polemica che ha portato il concorso al centro dell’attenzione deriva dalle parole di alcuni vincitori. Intervistati da Open, molti di loro hanno voluto denunciare la mancata assegnazione delle sedi e il silenzio da parte del Ministero.

“Siamo in un limbo”

Da quanto raccontato da Giovanni, lui e tutti gli altri vincitori “sono in un limbo”. Nessuno di loro sa cosa fare, colti impreparati da un tale ritardo nell’assegnazione delle sedi. Brunetta, nell’annunciare il Concorso per i 2800 Tecnici al Sud, aveva parlato di una procedura di “100 giorni”. Sempre lo stesso Ministro della PA aveva parlato di assunzioni “entro luglio”.

Nonostante le parole del Ministro, però, le cose sono andate diversamente. Alcuni testimoni, sempre al giornale online di Enrico Mentana, hanno raccontato: “Nessuno di noi finora è stato assunto, dal 2 al 16 agosto abbiamo espresso le nostre preferenze sulle sedi ma allo stato attuale non sappiamo ancora nulla. Il Formez (che si occupa della gestione tecnica dei concorsi, ndr) nemmeno ci risponde”.

E se c’è chi attende, c’è chi oltre ad aspettare, vive con il timore di vedersi assegnato ad una sede che non è quella indicata nella preferenza. In caso dovesse accadere, non tutti potrebbero accettare tale cambiamento. È il caso di Roberto che ad Open ha spiegato: “Ho figli, sono separato e non ho più 20 anni. Non posso più permettermi di fare le valigie e partire così all’improvviso. Quindi se non mi lasciassero in Sicilia, sarei costretto, sì, a rinunciare ma prima vorrei capire a quale sede sono stato assegnato”.

PERCHÉ QUESTO RITARDO?

Stando quanto spiegato ad Open, tale ritardo nell’assegnazione dei posti è dovuto ad un gruppo di persone. Il 6 agosto erano ben 83 i vincitori al concorso che non sapevano quale sede di preferenza indicare. Il 16 agosto, con la riapertura dei termini, si è arrivati a 33 persone, giungendo, infine, a 24 vincitori.

“I 24 sono stati considerati formalmente rinunciatari, dopo essere stati convocati a Napoli dove non si sono presentati”, ha così rivelato la fonte di Open. La risposta del Ministero è finalmente giunta al giornale, spiegando: “Ora a tutti, nei prossimi giorni, arriverà una risposta, una lettera per l’assegnazione della sede”.

Riguardo la seconda procedura al sud, quella organizzata per recuperare il numero dei vincitori non raggiunti alla prima, il Ministero ha voluto rassicurare. Non è stato ancora indetto il secondo concorso perché servono solo i tempi tecnici per l’elaborazione dei documenti.

UN FLOP

Sembra proprio che questo Concorso 2800 Tecnici al Sud sia stato un flop. La denuncia dei vincitori per la mancata assegnazione delle sedi, va ad aggiungersi alle altre critiche che la procedura ha ricevuto da quando è avvenuta la pubblicazione del bando.

All’inizio era stato aspramente criticato per i criteri utilizzati per la selezione, ossia la valutazione dei titoli e, soprattutto, l’esperienza del candidato. Tale criterio andava a penalizzare i giovani. Successivamente si era parlato del contratto di 36 mesi, dello stipendio di 1.400 euro, troppo poco da offrire a funzionari ad alta specializzazione. Problematiche che hanno spinto in molti a fare ricorso. Per approfondire l’argomento clicca qui.

CONCORSO SUD, IL COMUNICATO DI FORMEZ: SCORRIMENTO GRADUATORIE E ASSEGNAZIONE SEDI

Dopo le lamentele dei vincitori, nella giornata di ieri sul sito del Formez è apparso un comunicato che annuncia lo scorrimento delle graduatorie e l’assegnazione delle sedi. Ecco quanto si legge:

“Sul portale step one sono disponibili le graduatorie FA/COE ed FP/COE aggiornate alla luce delle rinunce che hanno determinato il subentro rispettivamente di n. 7 e n. 9 candidati per un numero complessivo di n. 16 candidati. Le rinunce pervenute per gli altri tre profili non hanno prodotto alcun effetto essendo il numero degli idonei/vincitori inferiori al numero dei posti a concorso.

Ogni candidato potrà accedere con le proprie credenziali alla sua pagina riservata su step one e prendere visione dell’amministrazione assegnata in base alla posizione occupata in graduatoria e l’ordine delle preferenze.
I candidati risultati vincitori su più profili dovranno comunicare la scelta del profilo entro 48 ore dalla pubblicazione all’indirizzo mail [email protected], unitamente alla scansione di un documento di riconoscimento, specificando generalità e codice concorso scelto. Si prega di non inviare pec o mail ad indirizzi diversi da quello sopra indicato”.

Ricordiamo che per restare aggiornati sulle novità relative al Concorso 2800 tecnici al Sud è possibile iscriversi al gruppo Facebook e al gruppo Telegram.

 

Ultimi articoli

Comune di Roma, nuovo concorso in arrivo: 1500 posti di vigile urbano

È in arrivo un nuovo concorso pubblico nel Comune di Roma. La procedura prevede l'assunzione di 1500 posti di...

Potrebbe interessarti anche