giovedì, 23 Settembre 2021

Ministero della Giustizia, concorso per 3.000 operatori data entry: aperto anche ai diplomati

Concorso organizzato per la digitalizzazione e realizzazione del PNRR

Di questo autore

Sanità Molise: nuovi concorsi e 1000 posti di lavoro

Nella sanità del Molise sono presenti varie opportunità di lavoro per il triennio. Ciò avverrà tramite concorsi, liste di...

Ministero della Cultura, concorso per 270 funzionari di archivio

Il Ministero della Cultura bandirà a breve un nuovo concorso per l'assunzione di 270 funzionari archivisti. Questi ultimi, infatti,...

Concorso Ripam prove, il via dal 30 settembre: come prepararsi al meglio?

Dopo tanta attesa, il Formez PA ha reso pubblico un comunicato sul Concorso Ripam e sulla data di partenza...

Il Ministero della Giustizia ha bandito un concorso per 3.000 posti da operatore data entry. Questo è quanto previsto dal Decreto reclutamento per smaltire gli arretrati e introdurre la digitalizzazione negli uffici giudiziari.

Il bando

Attualmente non è ancora nota la data di pubblicazione del bando. Tuttavia, vi consigliamo di consultare quotidianamente il sito ufficiale del Ministero della Giustizia per ulteriori novità. Nello specifico, le assunzioni saranno a tempo determinato di tre anni e consentiranno di aumentare il numero di dipendenti pubblici addetti al digitale.

Requisiti per l’accesso al concorso Ministero della Giustizia

I candidati dovranno essere in possesso dei seguenti requisiti: almeno il diploma di scuola superiore e la conoscenza di una lingua straniera. Inoltre, importante è il saper utilizzare le apparecchiature e applicazioni informatiche di Office automation diffuse.

I posti disponibili

I posti per questo concorso sono 3.000. Di cosa si occupano questi operatori? Essi sono addetti alle macchine d’ufficio. Queste figure professionali svolgono le seguenti attività:

  • inseriscono e registrano dati o codici;
  • preparano e modificano documenti, trascrivono manoscritti o processi verbali;
  • seguono operazioni di calcolo e di elaborazione;
  • redigono i verbali utilizzando delle tecniche di scrittura;
  • trascrivono le informazioni registrate in stenografia.

Tutte queste attività, quindi, rientrano nella digitalizzazione e l’inserimento dei dati nei sistemi informatici tramite degli specifici software. Questi ultimi permettono di svolgere un lavoro più sicuro e immediato smaltendo il cartaceo.

INPS: NUOVE ASSUNZIONI

Entro il 2022, l’INPS effettuerà 3.000 assunzioni per addetti contact center, ossia per assistenza ai clienti. Si tratta di un’opportunità anche per coloro che non sono in possesso di un diploma. Per saperne di più su questo argomento, vi consigliamo la lettura del seguente articolo: “INPS assunzioni: 3.000 posti di addetti contact center”.

Ultimi articoli

Sanità Molise: nuovi concorsi e 1000 posti di lavoro

Nella sanità del Molise sono presenti varie opportunità di lavoro per il triennio. Ciò avverrà tramite concorsi, liste di...

Potrebbe interessarti anche