lunedì, 8 Agosto 2022

Concorso RIPAM 2736 funzionari amministrativi: possibile la partecipazione anche per chi ha maturato i requisiti dopo luglio 2020

Di questo autore

Concorsi Pubblici: procedure in scadenza ad agosto

Per chi fosse interessato a lavorare nella Pubblica Amministrazione sono tanti i concorsi pubblici attualmente attivi. Le opportunità di...

Comune di Trieste, concorso per 30 agenti di polizia: il bando

Il Comune di Trieste ha indetto un concorso per l'assunzione di 30 agenti di polizia locale. Le selezioni sono...

Comune di Cosenza, Asp: 35 posti di assistente amministrativo

Il Comune di Cosenza ha indetto un concorso pubblico per nuove assunzioni preso l'Asp (Azienda Sanitaria Provinciale). Il bando...

Come già anticipato dal nostro portale nelle scorse settimane, con una modifica pubblicata in Gazzetta Ufficiale il 30 luglio scorso è stato modificato il bando per il concorso RIPAM finalizzato all’assunzione – a seguito della succitata rettifica – di 2736 funzionari amministrativi a tempo indeterminato (Area 3).

La riapertura dei termini, tuttavia, sembra discriminare le persone che avevano maturato i requisiti di ammissione al suddetto concorso RIPAM nel periodo intercorrente tra la data di scadenza del termine di invio delle domande indicato nel bando iniziale (15 luglio 2020) e la nuova data (31 agosto 2021) prevista dal provvedimento di rettifica del bando che ha aumentato i posti a concorso (portandoli a 2736) e riaperto i termini di invio delle domande escludendo – si ribadisce – coloro i quali hanno maturato i requisiti di partecipazione tra il 15 luglio 2020 e il 31 agosto 2021.

Pertanto, secondo l’avv.to Luisa Acampora, partner del prestigioso Studio Legale Abbamonte di Napoli, e l’avv.to Riccardo Ferretti, in effetti il provvedimento di rettifica della procedura concorsuale summenzionata è illegittimo laddove non consente anche a coloro i quali, ad esempio, avessero conseguito il titolo di laurea agli inizi del 2021 di poter partecipare alla procedura selettiva a fronte di un aumento dei posti messi a concorso che, invece, avrebbe proprio dovuto comportare la riapertura dei termini di partecipazione al concorso anche nei confronti di coloro che avessero maturato i requisiti tra il 15 luglio 2020 e il 31 agosto 2021 che risultano ad oggi ingiustamente esclusi dal partecipare al concorso.

Considerata l’immotivata discriminazione che l’Amministrazione ha posto in essere nei confronti di potenziali giovani candidati che hanno maturato i requisiti di partecipazione nel corso del suddetto periodo, i sopracitati Avvocati, di conseguenza, mettono a disposizione la loro professionalità ai fini di un ricorso collettivo al TAR Lazio con istanza cautelare, avverso tale provvedimento di rettifica, ad un prezzo particolarmente vantaggioso per gli utenti di concorsi-pubblici.org di € 100,00 a partecipante oltre il costo del contributo unificato pari ad € 325,00 da suddividere tra tutti i partecipanti (ad esempio, in caso di 100 partecipanti al ricorso collettivo, il costo del ricorso per partecipante sarebbe pari a € 103,25.)

Come anticipato, l’azione sarà accompagnata da istanza cautelare al fine di consentire anche a coloro i quali hanno maturato i requisiti di ammissione tra il 15 luglio 2020.e il 31 agosto 2021 di poter partecipare al concorso RIPAM e sostenere le relative prove al pari degli altri candidati nel caso di specie ingiustamente avvantaggiati.

Gli interessati possono inviare una mail all’indirizzo [email protected] oppure compilare il seguente form, per richiedere in modo assolutamente gratuito ulteriori informazione in merito al ricorso.

Ultimi articoli

Concorsi Pubblici: procedure in scadenza ad agosto

Per chi fosse interessato a lavorare nella Pubblica Amministrazione sono tanti i concorsi pubblici attualmente attivi. Le opportunità di...

Potrebbe interessarti anche