giovedì, 23 Settembre 2021

Ministero della Cultura concorso: 35 esperti per PNRR

Di questo autore

Sanità Molise: nuovi concorsi e 1000 posti di lavoro

Nella sanità del Molise sono presenti varie opportunità di lavoro per il triennio. Ciò avverrà tramite concorsi, liste di...

Ministero della Cultura, concorso per 270 funzionari di archivio

Il Ministero della Cultura bandirà a breve un nuovo concorso per l'assunzione di 270 funzionari archivisti. Questi ultimi, infatti,...

Concorso Ripam prove, il via dal 30 settembre: come prepararsi al meglio?

Dopo tanta attesa, il Formez PA ha reso pubblico un comunicato sul Concorso Ripam e sulla data di partenza...

Il Ministero della Cultura ha indetto un nuovo concorso pubblico per l’assegnazione di 35 incarichi che andranno a comporre la Segreteria Tecnica costituita presso la Soprintendenza Speciale per il PNRR. Di seguito sono fornite tutte le informazioni necessarie.

CODICI

Gli incarichi sono divisi in 4 codici, ossia nei seguenti profili professionali:

  • Cod. 1 – n. 5 archeologi;
  • Cod. 2 – n. 20 architetti;
  • Cod. 3 – n. 4 avvocati;
  • Cod. 4 – n. 6 ingegneri, di cui:
    – n. 4 ingegneri ambientali (cod. 4.a);
    – n. 1 ingegnere strutturista (cod. 4.b);
    – n. 1 ingegnere impiantista (cod. 4.c).

REQUISITI

Per chi fosse interessato a prendere parte all’opportunità che il Ministero della Cultura dà con questo concorso, è necessario essere in possesso dei seguenti requisiti:

GENERALI

  • essere in possesso della cittadinanza italiana o di uno degli Stati membri dell’Unione europea;
  • non aver compiuto, alla data di scadenza del termine per la presentazione delle domande, 65 anni di età;
  • non aver riportato condanne penali e non essere destinatario di provvedimenti che riguardano l’applicazione di misure di prevenzione, di decisioni civili e di provvedimenti amministrativi iscritti nel casellario giudiziale;
  • godere dei diritti civili e politici;
  • non essere sottoposto a procedimenti penali;
  • non essere dipendente pubblico, né intrattenere, alla data di scadenza del termine per la presentazione delle domande, rapporti di lavoro a qualunque titolo, anche autonomo, con il Ministero della Cultura.

SPECIFICI

Archeologo:

  • essere in possesso dei seguenti titoli di studio:
    – Laurea vecchio ordinamento (DL) in Lettere con indirizzo archeologico o in Beni culturali o in Conservazione dei beni culturali con indirizzo archeologico o Laurea Specialistica (LS) o Laurea magistrale (LM) in discipline archeologiche o equipollenti;
    – Diploma di specializzazione o Dottorato di ricerca o Master universitario di secondo livello di durata biennale in materie attinenti alla tutela e alla valorizzazione del patrimonio culturale e/o in discipline archeologiche o, in alternativa, aver maturato almeno 20 anni di esperienza professionale in materie attinenti ai requisiti richiesti, di cui almeno 5  in incarichi di collaborazione con la Pubblica Amministrazione, anche non continuativi, ma di durata singola non inferiore ad anni 1.

Architetto

  • essere in possesso di uno dei seguenti titoli di studio:
    – Laurea vecchio ordinamento (DL) o Laurea Specialistica (LS) o Laurea Magistrale (LM) in Architettura, Pianificazione Territoriale o equipollenti;
    – Diploma di specializzazione o Dottorato di ricerca o Master universitario di secondo livello di durata biennale in materie attinenti al paesaggio o, in alternativa, aver maturato almeno 20 anni di esperienza professionale in materie attinenti ai requisiti richiesti, di cui almeno 5 in incarichi di collaborazione con la Pubblica Amministrazione, anche non continuativi, ma di durata singola non inferiore ad anni 1 (uno).

Avvocato

  • essere in possesso dei seguenti titoli di studio:
    – Laurea vecchio ordinamento (DL) o Laurea Specialistica (LS) o Laurea Magistrale (LM) in Giurisprudenza o equipollenti;
    – Diploma di specializzazione o Dottorato di ricerca o Master universitario di secondo livello di durata biennale in diritto amministrativo o, in alternativa, aver maturato almeno 20 anni di esperienza professionale in materie attinenti ai requisiti richiesti, di cui almeno 5 in incarichi di collaborazione nella Pubblica Amministrazione, anche non continuativi, ma di durata singola non inferiore ad anni 1.

INGEGNERE

  • essere in possesso dei seguenti titoli di studio:
    4.a. – Laurea vecchio ordinamento (DL) o Laurea Specialistica (LS) o Laurea Magistrale (LM) in Ingegneria per l’ambiente e il territorio o equipollenti;
    – Diploma di specializzazione o Dottorato di ricerca o Master universitario di secondo livello di durata biennale in materie attinenti all’ingegneria ambientale o, in alternativa, aver maturato almeno 20 (venti) anni di esperienza professionale in materie attinenti ai requisiti richiesti, di cui almeno 5 (cinque) in incarichi di collaborazione con la Pubblica Amministrazione, anche non continuativi, ma di durata singola non inferiore ad anni 1 (uno).
    4.b. -Laurea vecchio ordinamento (DL) o Laurea Specialistica (LS) o Laurea Magistrale (LM) in Ingegneria civile o equipollenti;
    – Diploma di specializzazione o Dottorato di ricerca o Master universitario di secondo livello di durata biennale in materie attinenti alle infrastrutture e trasporti o, in alternativa, aver maturato almeno 20 anni di esperienza professionale in materie attinenti ai requisiti richiesti, di cui almeno 5 in incarichi di collaborazione con la Pubblica Amministrazione, anche non continuativi, ma di durata singola non inferiore ad anni 1.
    4.c. – Laurea vecchio ordinamento (DL) o Laurea Specialistica (LS) o Laurea Magistrale (LM) in Ingegneria civile o equipollenti;
    b) Diploma di specializzazione o Dottorato di ricerca o Master universitario di secondo livello di durata biennale in materie attinenti alle energie rinnovabili e ambientali o, in alternativa, aver maturato almeno 20 anni di esperienza professionale in materie attinenti ai requisiti richiesti, di cui almeno 5  in incarichi di collaborazione nella Pubblica Amministrazione, anche non continuativi, ma di durata singola non inferiore ad anni 1.

COME CANDIDARSI

È possibile prendere parte alla procedura concorsuale unicamente tramite procedimento telematico. Il candidato dovrà compilare la domanda di partecipazione (Allegato A), presente sul sito del Ministero della Cultura insieme al testo integrale del bando del concorso e del cv (Allegato B). Entro e non oltre le ore 14:00 del 6 Agosto, i candidati potranno mandare la propria domanda di partecipazione utilizzando il proprio indirizzo di posta elettronica certificata, al seguente indirizzo: [email protected].

Ultimi articoli

Sanità Molise: nuovi concorsi e 1000 posti di lavoro

Nella sanità del Molise sono presenti varie opportunità di lavoro per il triennio. Ciò avverrà tramite concorsi, liste di...

Potrebbe interessarti anche