giovedì, 23 Settembre 2021

Unioncamere, nella PA 741mila dipendenti pubblici in 5 anni

In 5 anni 741mila dipendenti pubblici nelle PA

Di questo autore

Sanità Molise: nuovi concorsi e 1000 posti di lavoro

Nella sanità del Molise sono presenti varie opportunità di lavoro per il triennio. Ciò avverrà tramite concorsi, liste di...

Ministero della Cultura, concorso per 270 funzionari di archivio

Il Ministero della Cultura bandirà a breve un nuovo concorso per l'assunzione di 270 funzionari archivisti. Questi ultimi, infatti,...

Concorso Ripam prove, il via dal 30 settembre: come prepararsi al meglio?

Dopo tanta attesa, il Formez PA ha reso pubblico un comunicato sul Concorso Ripam e sulla data di partenza...

Secondo il rapporto Excelsior curato da Unioncamere e Anpal Servizi, in 5 anni serviranno oltre 741mila dipendenti pubblici nella PA. Questa analisi statistica è contenuta nelle Previsioni dei fabbisogni occupazionali e professionali in Italia a medio termine (2021-2025).

Turnover del personale pubblico

L’analisi è molto accurata  e descrive quella che è la situazione in Italia soprattutto relativa ai turnover del personale pubblico. Infatti, si stima che in 5 anni potranno essere assunti circa 741mila dipendenti pubblici. Giuseppe Tripoli, segretario generale di Unioncamere, ha reso note queste informazioni.

Secondo il rapporto condiviso al convegno tenutosi a Madonna di Campiglio “l’evoluzione dello stock occupazionale dei dipendenti pubblici prevista tra il 2021 e il 2025 dovrebbe determinare a fine periodo un aumento di circa 49mila occupati rispetto al 2020”.

“Il fabbisogno del settore pubblico nel periodo considerato sarà determinato per oltre il 90% dalla componente di sostituzione, che dovrebbe riguardare oltre 692mila dipendenti nel quinquennio, per un fabbisogno complessivo di circa di 741mila dipendenti. In particolare, tra il 2021 e il 2025 dovranno essere sostituiti circa 261mila dipendenti dei servizi generali, 243mila occupati nell’istruzione e 188mila nella sanità pubbliche”.

Pubblica amministrazione “anziana”

Secondo Tripoli, infatti, oggi, la Pa è anziana. Il 55% dei dipendenti pubblici ha più di 55 anni contro il 37,3% del totale degli occupati. Solo il 4,2% ha meno di 30 anni e l’età media è di 50,6 anni”. Per questo motivo, occorre “individuare subito le competenze necessarie, puntare sulle soft skill oltre che sulle hard skill, introdurre percorsi innovativi per la selezione del personale e rivedere i sistemi di valutazione orientandoli al risultato e premiando quegli enti pubblici che hanno la determinazione di cogliere la sfida”.

Per conoscere altri dettagli in merito, vi consigliamo di visitare il sito ufficiale della Unioncamere in cui si tratta l’argomento: lo trovate qui. Infine, per saperne di più dei concorsi pubblici banditi nei prossimi tre anni, vi consigliamo il seguente articolo: “Concorsi pubblici, bandi e assunzioni per i prossimi tre anni”.

 

Ultimi articoli

Sanità Molise: nuovi concorsi e 1000 posti di lavoro

Nella sanità del Molise sono presenti varie opportunità di lavoro per il triennio. Ciò avverrà tramite concorsi, liste di...

Potrebbe interessarti anche