lunedì, 29 Novembre 2021

ARPAE Emilia-Romagna: concorso per la copertura di 6 posti di collaboratore tecnico-professionale

Di questo autore

Comune di Milano concorso: 11 collaboratori esterni in vari settori

Il Comune di Milano ha indetto un concorso per l'assunzione di 11 collaboratori esterni all'amministrazione comunale. Questa procedura è...

Pubblica Amministrazione, secondo il ministro Brunetta ci saranno 1,3 milioni di assunzioni entro il 2026

La Pubblica Amministrazione è pronta ad assumere un grande numero di lavoratori entro il 2026: si parla, infatti, di...

Funzionario Agenzia delle Entrate: stipendio e mansioni

Lo scorso 13 agosto è stato pubblicato il bando, in Gazzetta Ufficiale e sul sito dell’Agenzia delle Entrate, per il...

L’ARPAE (Agenzia Regionale Prevenzione, Ambiente ed Energia) dell’Emilia-Romagna ha indetto un nuovo concorso. Il bando prevede l’assunzione di 6 posti di collaboratore tecnico-professionale Cat D, di cui un posto riservato al personale dipendente ai sensi dell’art. 52, comma 1-bis del D. Lgs n. 165/2001. Si tratta di un contratto a tempo indeterminato. Di seguito sono elencati i requisiti, come candidarsi e le tipologie di prove d’esame che i candidati dovranno sostenere.

REQUISITI

Gli interessati al concorso indetto dall’ARPAE dell’Emilia-Romagna devono possedere i seguenti requisiti:

  • cittadinanza italiana;
  • godimento dei diritti civili e politici;
  • non essere stati licenziati per motivi disciplinari o dispensati per inabilità dall’impiego
    presso una Pubblica Amministrazione;
  • idoneità fisica all’impiego;
  • posizione regolare nei confronti dell’obbligo di leva, per i cittadini italiani soggetti a tale
    obbligo;
  • assenza di condanne penali o processi penali pendenti per reati che, se accertati con
    sentenza passata in giudicato, comportino la sanzione disciplinare del licenziamento, o per i quali la legge escluda l’ammissibilità all’impiego pubblico, ovvero che l’Agenzia ritenga rilevanti in relazione alla posizione di lavoro da ricoprire;
  • possesso di una delle lauree di seguito specificate:
    – Classe 27 scienze e tecnologie per l’ambiente e la natura;
    – L-32 scienze e tecnologie per l’ambiente e la natura;
    – sono ammessi alla selezione in oggetto i candidati in possesso di laurea magistrale/specialistica o vecchio ordinamento nelle discipline corrispondenti alle suddette classi di laurea triennali.

COME CANDIDARSI

Coloro interessati al concorso possono mandare la domanda di partecipazione solo e unicamente tramite via telematica, compilando il modulo elettronico presente sul sito dell’ARPAE entro e non oltre le ore 23:59 del 29 marzo 2021. Il candidato dovrà essere in possesso del sistema pubblico di identità digitale (SPID). È possibile prendere visione del testo integrale del bando sul sito dell’Ente, nella sezione ‘Lavorare in Arpae – Concorsi pubblici’.

TIPOLOGIE D’ESAME

PROVA PRESELETTIVA: in relazione al numero di domande che saranno presentate, Arpae si riserva di espletare una prova preselettiva;

PROVA SCRITTA: consisterà nel rispondere a più quesiti a risposta sintetica sui seguenti argomenti:
– Arpae: compiti e competenze (L.R. n. 44/1995 e L.R. n. 13/2015);
– L’assetto organizzativo generale di Arpae (DDG n. 70/2018);
– Sistema Nazionale di prevenzione Ambientale (SNPA) L. n. 132/2016;
– Principi fondamentali in materia di sicurezza nei luoghi di lavoro (D. Lgs. n. 81/2008 s.m.i.);
– Norme in materia ambientale: D. Lgs. n. 152/2006 s.m.i.;
– Principi generali relativi alla certificazione secondo la UNI EN ISO 9001/2015;
– Autorizzazioni ambientali: AUA ed AIA (DPR n. 59/2013 s.m.i.; D. Lgs. n. 152/2006 s.m.i.), autorizzazione unica energetica (D. Lgs. n. 387/2003 s.m.i.), autorizzazione unica rifiuti (D.Lgs. n. 152/2006 s.m.i.);
– Procedure di valutazione di impatto ambientale: contenuti principali del D. Lgs. n.152/2006 s.m.i Parte seconda -Titolo III e L.R. n. 4/2018 s.m.i;
– Procedure di valutazione ambientale strategica: contenuti principali del D. Lgs.n.152/2006 s.m.i Parte seconda -Titolo II;
– Le concessioni per l’utilizzo dei beni del demanio idrico: acque e suoli (R.D. n. 523/1904,
RD n. 1775/1933 s.m.i., L.R. n. 7/2004 s.m.i., Reg. Regionale n. 41/2001);
– Nuove norme in materia di procedimento amministrativo e di diritto di accesso ai documentiamministrativi (L. n. 241/1990 s.m.i.);
– Disposizioni in materia di delitti contro l’ambiente (L. n. 68/2015);
– Principi applicati alle reti di monitoraggio ambientale della qualità dell’aria (D.Lgs
155/2010), della qualità delle acque superficiali e sotterranee (DLgs 152/2006 s.m.i.): finalità, classificazione, progettazione, gestione ed elaborazione;
– Aspetti generali sui campi elettromagnetici (ELF, radioonde, microonde) e limiti di esposizione della popolazione (DPCM 08/07/2003);
– Aspetti generali sull’inquinamento acustico e criteri tecnici per la classificazione acustica
del territorio comunale (DGR Emilia Romagna n. 2053 del 09/10/2001);
– Tipologie di modelli diffusionali utilizzati per la valutazione delle concentrazioni degli inquinanti atmosferici;

PROVA ORALE: verterà sulle materie oggetto della prova scritta. Inoltre verrà verificata la conoscenza della lingua inglese e dell’utilizzo delle apparecchiature e delle applicazioni informatiche più diffuse.

Ultimi articoli

Comune di Milano concorso: 11 collaboratori esterni in vari settori

Il Comune di Milano ha indetto un concorso per l'assunzione di 11 collaboratori esterni all'amministrazione comunale. Questa procedura è...

Potrebbe interessarti anche