mercoledì, 1 Dicembre 2021

Guardia di Finanza: bando di concorso per il reclutamento di 10 tenenti

Di questo autore

Decreto Incarichi: assunzioni 1.000 esperti nella PA

Come annunciato dal Ministro della Pubblica Amministrazione, Renato Brunetta, sono in arrivo nuove assunzioni. È infatti pronto il Decreto...

Concorso Ufficio del Processo, Formez conferma: slitta la pubblicazione dei punteggi della prova scritta, ecco cosa succede

E' stata confermata l'indiscrezione pubblicata pochi giorni fa dalla nostra Redazione sul Concorso Ufficio del Processo: Formez - difatti...

Concorso Maeci, prove scritte da gennaio per bando 375 amministrativi

Il concorso Maeci da 375 posti da amministrativi ha finalmente un calendario delle prove: si partirà, infatti, a gennaio....

La Guardia di Finanza ha indetto un bando di concorso, per titoli e per esami, che vede il reclutamento di 10 tenenti in servizio permanente effettivo del ruolo tecnico-logistico-amministrativo. Di seguito saranno elencati i profili richiesti, le prove da sostenere e come candidarsi.

PROFILI RICHIESTI

Nel bando emesso dalla Guardia di Finanza, i 10 posti sono così divisi:

  • 1 è riservato agli Ufficiali in ferma prefissata, con almeno 18 mesi di servizio nel
    Corpo della guardia di finanza. Tale posto è assegnato alla specialità amministrazione;
  • 9 sono destinati agli altri cittadini italiani in possesso dei requisiti in seguito elecati. Tali posti sono così articolati:
    – 2 per telematica;
    – 3 per sanità;
    – 1 per amministrazione;
    – 1 per veterinaria;
    – 2 per infrastrutture.

Come precisato nel bando, è possibile candidarsi a una sola categoria di posti e a una sola specialità.

REQUISITI

Qui di seguito sono elencati i requisiti richiesti per poter partecipare:

  • possesso dei diritti civili e politici;
  • non essere stati destituiti, dispensati o dichiarati decaduti dall’impiego presso una
    pubblica amministrazione, licenziati dal lavoro alle dipendenze delle pubbliche
    amministrazioni a seguito di procedimento disciplinare ovvero prosciolti, d’autorità o
    d’ufficio, da precedente arruolamento nelle Forze armate e di polizia, a esclusione dei
    proscioglimenti per inattitudine alla vita di bordo o al volo;
  • non siano stati rinviati o espulsi da corsi di formazione dell’Accademia del Corpo della
    guardia di finanza;
  • non si trovino, alla data dell’effettivo incorporamento, in situazioni comunque
    incompatibili con l’acquisizione o la conservazione dello stato di ufficiale del Corpo della
    guardia di finanza;
  • essere in possesso di una laurea specialistica o una laurea magistrale o titolo equipollente (con esclusione, quindi, dei diplomi universitari, delle
    lauree c.d. “triennali” o di “I livello”), in discipline attinenti alla specialità per la quale
    concorrono;
  • aver mantenuto un’adeguata condotta richiesta per l’ammissione ai concorsi della magistratura ordinaria;

Per gli ufficiali in ferma prefissata in congedo, ovvero cancellati dal ruolo, oltre ai requisiti già elencati, devono anche:

  • possedere, oltre al periodo di formazione, 18 mesi di servizio;
  • non aver superato il trentasettesimo anno d’età alla data dell’1 gennaio 2021.

Per i militari del Corpo appartenenti ai ruoli di ispettori, sovrintendenti, appuntati e
finanzieri:

  • che non abbiano superato il giorno del compimento del quarantacinquesimo anno di età alla data dell’1 gennaio 2021
  • non siano stati dichiarati non idonei all’avanzamento ovvero, se dichiarati non
    idonei all’avanzamento, abbiano successivamente conseguito un giudizio di
    idoneità e siano trascorsi almeno cinque anni dalla dichiarazione di non
    idoneità, ovvero non abbiano rinunciato all’avanzamento nell’ultimo
    quinquennio;
  • non siano sottoposti a un procedimento disciplinare di corpo da cui possa
    derivare l’irrogazione di una sanzione più grave della consegna, a un
    procedimento disciplinare di stato o a un procedimento disciplinare ai sensi
    dell’articolo 17 delle norme di attuazione, di coordinamento e transitorie del
    codice di procedura penale;
  • non abbiano riportato, nell’ultimo biennio, sanzioni disciplinari più gravi della
    consegna;
  • non siano sospesi dall’impiego o dal servizio o in aspettativa.

Per alcune delle categorie richieste, inoltre:

  • per la specialità “infrastrutture”, devono essere in possesso dell’abilitazione all’esercizio
    della professione connessa al titolo di studio richiesto;
  • per le specialità “sanità” e “veterinaria” devono essere iscritti rispettivamente all’albo dei
    medici-chirurghi e dei veterinari.

COME CANDIDARSI

Per candidarsi, l’interessato deve presentare telematicamente la domanda nella pagina web della Guardia di Finanza entro e non oltre le ore 12:00 del 25 marzo 2021. Il candidato dovrà essere in possesso della PEC (posta elettronica certificata). Dopo la registrazione al portale, la persona potrà accedere all’area riservata per la compilazione della domanda di partecipazione e concludere la presentazione.

PROVE

I candidati verranno sottoposti alle seguenti prove:

  • prova preselettiva qualora il numero di domande presentate sia superiore a 540. Consisterà in una prova scritta in cui saranno presenti domande di cultura e logica-matematica;
  • prova scritta di cultura tecnico-professionale, diversa per ciascuna delle specialità a concorso;
  • valutazione dei titoli di merito;
  • accertamento dell’idoneità psico-fisica;
  • accertamento dell’idoneità attitudinale quale ufficiale in servizio permanente del ruolo “tecnico-logistico-amministrativo”;
  • prova orale;
  • prova facoltativa di una lingua straniera;
  • visita medica.

Ultimi articoli

Decreto Incarichi: assunzioni 1.000 esperti nella PA

Come annunciato dal Ministro della Pubblica Amministrazione, Renato Brunetta, sono in arrivo nuove assunzioni. È infatti pronto il Decreto...

Potrebbe interessarti anche