martedì, 7 Dicembre 2021

Concorsi 2017 Guardia di Finanza, 461 Posti Per Allievi Marescialli

Di questo autore

Concorso RIPAM 1541 unità presso Ministero del Lavoro e politiche sociali, possibile ricorso TAR per quesiti erronei o ambigui

In merito al concorso “RIPAM 1541 unità di personale non dirigenziale presso Ministero del Lavoro e politiche sociali”, sono...

Concorso RIPAM 2736 funzionari amministrativi, possibile ricorso TAR: ecco tutto quello che c’è da sapere

Con riferimento al concorso “RIPAM - 2736 funzionari amministrativi”, sono scattate numerose polemiche per la formulazione dei singoli quesiti...

Concorso Miur: i programmi di esame di scuola primaria, infanzia e sostegno

Con decreto 5 novembre 2021 n. 325 il Miur ha pubblicato un nuovo regolamento in relazione, tra gli altri, al...

Indetto bando di concorso, per titoli ed esami, per l’ammissione di 461 Allievi Marescialli all’89° corso presso la Scuola Ispettori e Sovrintendenti della Guardia di finanza, per l’anno accademico 2017/2018, di cui:

– n. 415 allievi marescialli del contingente ordinario;

– n. 46 allievi marescialli del contingente di mare, così suddivisi:

  • 31 per la specializzazione “nocchiere abilitato al comando” (NAC),
  • 15 per la specializzazione “tecnico di macchine” (TDM).

Possono partecipare al concorso:

  • i cittadini italiani, anche se già alle armi, che:

– abbiano, alla data di scadenza del termine per la presentazione della domanda compiuto il 18° anno di età e non abbiano superato il giorno di compimento del 26° anno di età;

– godano dei diritti civili e politici;

– non siano stati destituiti o dispensati dall’impiego presso una pubblica amministrazione, ovvero prosciolti, d’autorità o d’ufficio, da precedente arruolamento nelle Forze armate e di polizia, a esclusione dei proscioglimenti per inattitudine al volo o alla navigazione;

– non siano stati ammessi a prestare il servizio civile nazionale quali obiettori di coscienza ovvero abbiano rinunciato a tale status, ai sensi dell’articolo 636, comma 3, del decreto legislativo 15 marzo 2010, n. 66;

– non siano, alla data dell’effettivo incorporamento, imputati o condannati per delitti non colposi, né sottoposti a misura di prevenzione;

– non si trovino, alla data dell’effettivo incorporamento, in situazioni comunque incompatibili con l’acquisizione o la conservazione dello stato di ispettore della Guardia di finanza;

– siano in possesso delle qualità morali e di condotta stabilite per l’ammissione ai concorsi della magistratura ordinaria. L’accertamento di tale requisito viene effettuato d’ufficio dal Corpo della guardia di finanza;

– non siano già stati rinviati, d’autorità, dal corso allievi marescialli, ovvero da corsi equipollenti, della Guardia di finanza;

– siano in possesso, alla data di scadenza del termine per la presentazione della domanda, di un diploma di istruzione secondaria di secondo grado che consenta l’iscrizione ai corsi di laurea previsti dalle Università statali o legalmente riconosciute. Possono partecipare anche coloro che, pur non essendo in possesso del previsto diploma, lo conseguano nell’anno scolastico 2016/2017.

 

  • gli appartenenti al ruolo sovrintendenti e al ruolo appuntati e finanzieri, gli allievi finanzieri nonché gli ufficiali di complemento del Corpo della guardia di finanza che:

– non abbiano, alla data di scadenza del termine per la presentazione della domanda, superato il giorno del compimento del 35° anno di età;

– siano in possesso, alla data di scadenza del termine per la presentazione della domanda di un diploma di istruzione secondaria di secondo grado che consenta l’iscrizione a corsi di laurea previsti dalle Università statali o legalmente riconosciute. Possono partecipare anche coloro che, pur non essendo in possesso del previsto diploma, lo conseguano nell’anno scolastico 2016/2017;

– non abbiano demeritato durante il servizio prestato;

– non siano stati giudicati, nell’ultimo biennio, “non idonei” all’avanzamento;

– non siano già stati rinviati, d’autorità, dal corso allievi marescialli, ovvero da corsi equipollenti, della Guardia di finanza.

La domanda di partecipazione al concorso deve essere compilata esclusivamente mediante la procedura informatica disponibile sul sito www.gdf.gov.it – area “Concorsi On line”, seguendo le istruzioni del sistema automatizzato, entro trenta giorni decorrenti dalla data di pubblicazione del presente bando nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana – 4^ Serie Speciale, ovvero entro il 18 aprile 2017.

Lo svolgimento del concorso comprende:

a) una prova preliminare, consistente in questionari a risposta multipla;

b) una prova scritta di composizione italiana;

c) l’accertamento dell’idoneità psico-fisica;

d) l’accertamento dell’idoneità attitudinale;

e) una prova orale di cultura generale;

f) l’esame facoltativo in una o più lingue estere, consistente in una prova scritta e una prova orale per ciascuna lingua prescelta;

g) una prova facoltativa di informatica.

I candidati, che abbiano presentato domanda di partecipazione al concorso e non abbiano ricevuto comunicazione alcuna di esclusione, sosterranno la prova preliminare, consistente in domande dirette ad accertare le abilità linguistiche, ortogrammaticali e sintattiche della lingua italiana, a partire dal 2 maggio 2017.

Per ulteriori informazioni cliccate qua.

Ultimi articoli

Concorso RIPAM 1541 unità presso Ministero del Lavoro e politiche sociali, possibile ricorso TAR per quesiti erronei o ambigui

In merito al concorso “RIPAM 1541 unità di personale non dirigenziale presso Ministero del Lavoro e politiche sociali”, sono...

Potrebbe interessarti anche